Login



Don't you have an account? Register to join the fanclub and GGM newsletter, it's free! Non hai ancora un account? Registrati per unirti al fanclub e alla GGM newsletter, è gratis!

Designed by:
SiteGround web hosting Joomla Templates
Luke New Album PDF Stampa E-mail
Scritto da Administrator   
Venerdì 22 Maggio 2009 14:21

STEVE LUKATHER
"Ever Changing Times Review"

 

GGM STUDIOS had the chance to hear Luke's new solo work in absolute
preview... Well, guys, we're all still in tears! This is the best
SOLO STEVE ALBUM EVER!
Notes and melodies will speak for themselves... check out some audio
samples we got from Frontiers and judge yourself!
What a man... what a bad.... records like this one makes you feel
proud to be his fan!


STEVE LUKATHER - EVER CHANGING TIMES REVIEW

(Frontiers Records - 2008)

Tracklist


Ever Changing Times, The Letting Go, New World, Tell Me What You Want From Me, I Am, Jammin With Jesus, Stab in the Back, Never Ending Nights, Icebound, How Many Zeros, The Truth.

Line-up

Steve Lukather - vocals, guitars, keyboards
Trev Lukather - guitars, vocals
Tina Lukather - vocals
Abe Laborial jr. - drums
Leland Sklar - bass
Phil Soussan - bass
Steve Weingart - keyboards
Jeff Babko - keyboards
Randy Goodrum - keyboards
Steve Porcaro - synthesizers
Greg Mathieson - Hammond
Joseph Williams - vocals
Bill Champlin - vocals
Bernard Fowler - vocals
Lenny Castro - percussion


English Version Review


"Steve Lukather strikes again!" This might be the title of a new Lukather's Book! but for writer Steve we'll have to wait still a litte time. After ten year since his last solo work "Luke", Steve comes back with a new master piece, deciding to make it his own magical way.
Make sure not to have a too busy schedule on February 22nd 2008, take some free time, some time to dedicate to the dreamy notes of one of the best artists ever.
The album is going to be named "Ever Changing Times" and it will come out with Frontiers Records, following the partnership started in 2006 with TOTO.


The musicians line-up in this record is incredible, seems like Steve wanted to get together a big family made of people who definitely left a mark in his life, both artistic and private.
Let's have a look at who they are:
First of all we can happily spot his two children Trevor and Tina. Trev  involved in guitar part and co-writer in two tracks, and Tina doing some of the backing vocals.
Longtime friend and fantastic TOTO ballads author Randy Goodrum played his part too. TOTO fans will be even amazed by reading the names of Steve Porcaro and Joseph Williams giving a decisive contribution on some tracks with synths and backing vocals. Then come his "usual solo" entourage made of so many talented artists like: Greg Mathieson, Lenny Castro, Jeff Babko, Abe Laborial Jr, Leland Sklar who took mike porcaro's place during the last part of the FIB tour, Phil Soussan, Steve Weingart, Bernard Fowler and the great Bill Champlin who recently had Luke playing in his record.


All these names contributed to the making of a unique atmosphere, a sensation you could almost touch.
Listening to Ever Changing Times is like leaving for a travel, a path to walk through various musical genres and styles, jumping over thousands emotions, full of pure adrenaline.
First Track: Ever Changing Times, continues the adventure Luke started with Falling in Between: the prog rhythmic  blends perfectly with Ae Laborial's groove and it seems to be played to make us stand up and rock, just like shaking you a bit from the ordinary day's routine. The chorus will remain stuck in your head by the first listen! No doubt this song might be a great single!


If steve wanted to surprise us, he scored!
Second track: The Letting Go, is such a fantastic ballad with a surprising crescendo in the end, where he switches on his guitarist absolute power and does his thing as we all love! Fantastic arrangements by Jeff Babko, which gives a true interpretation on "made in luke's ballads".
I just feel like underlining that we all know Steve as one of the best guitar players ever existed, and that's true. BUT GOD ONLY KNOWS IF HE CAN SINGS!!! His voice on this record is perfect!

Third track: New World, is another songs with some hard-rock in its veins! Fantastic the way this mood can blend with acoustic guitar parts during the bridge of the song. This is one of the two tracks co-written with Trevor Lukather, you can definitely feel something magic into Lukather's DNA ! The great melodic chorus bases its success on Joseph Williams backing vocals blending together with Steve's voice.
Fourth Track: Tell me what you want from me!

 

What I wanted from you?!?!? A SONG LIKE THIS! This is the true pearl of the record where Steve hugs his 12 strings guitar and make us dream. The verse would make you think about a ballad with kind of Pink Floyd's psychedelic floating atmospheres. But as soon as the chorus comes, everything you listened before leaves the place to Trevor's power - chords and fantastic Abe's groove! The way Steve pronounces "Tell me what you want from me" seems to be take from led zeppelin's roots. His solo on this tracks is a great mix of technique and incredibly good taste.

 

Fifth Track: I Am. A song where the Lukather-Goodrum team strikes back for a moving ballad where Steve and his acoustic guitar are there to drive you to paradise! We sincerely hope to go on enjoying Randy's works in the future! he knows how to do it!
Sixth Track: Jamming with Jesus! Luke definitely played and jammed with all the best artists in the world, this time he chose a very special one, and the result of this track is, heavenly!?!? A fantastic distorted bass fits incredibly well with Abe's funk-groove, while a background Hammond gives the final touch. Backing vocals are essential in this track as much as blues guitar phrases form the start till the end of the song.


Seventh track: Stab in the back. According to Steve's words this is kind of a tribute to Steely Dan, 'cause of his never ending passion for them since he was a child. You can feel a substantial change in the mood of the song, where instruments, greatly reproduce 70s atmosphere with a great music moment at the end of the verse. The true surprise on this track is not the guitar solo at the end of the song, but it's something more impressing and totally unexpected: Steve starts playing and having fun with his talking box for a truly genial solo, we sincerely hope him to reproduce this onstage during his upcoming solo tour.


Eighth track: Never ending nights. I could feel this fantastic ballad being the main theme of a cinema movie. Steve's romantic vein never stops surprising us!
Ninth Track: Icebound. It start which such great drum part played on toms. The sound is marvelous, rich of basses. I think only a pro-hifi system can let you entirely enjoy such music masterpiece. The mood turns into blues with some guitar breaks blending perfectly with lenny castro's percussions! The most tasting music part of the song is definitely the way keyboards and guitar talk to each other!


Tenth track: How many zeros. The verse of this song has a nice funky vein whose interpretation would perfectly fit with TOTO, maybe due to chorus backing vocals. The final part is magnificent, with Steve's notes going together with a mini-solo by Abe Laborial Jr. enjoying every single bit of his toms and snare drum.
Eleventh tracks: The Truth. This album could not end but with the instrumental piece which has been a true mystery the fans, due to Steve Porcaro's presence on it. Luke's guitar notes play the central theme, taking our hands and walking us till the end of this fantastic travel called "Ever Changing Times".


Even in this album, Steve refuses to entertain people with virtuosities  of the great guitar guy. This is an album full of great songs with their own structure, meaning and atmospheres. And this is the main reason people will open their heart to it.
I could be lucky enough to follow luke's work on this record throughout his video diaries! His approach to this fantastic music work is amazing. What you think soon after hearing it is: "He played his ass out in this record"! That is a colorful way to give you an idea of the hard hard hard work and concentration luke put on Ever Changing Times.

 

He concentrated on every single note sound, leaving nothing to fate! Fantastic the feeling you get from this great band! you feel like they had such great time together, and the result speaks for itself! Final applause goes to the co-produce Steve Macmillan, who made this record sound the best way even! The album artwork reflects in full the meaning of Ever Changing Times: Luke sitting on a comfortable chair, with sunglasses, staring at you like: "seasons go on changing, fashion too, and life goes on, but I am still here.. good old luke all for you!". Right said Luke, on that throne, no king but you!
 
 
ANDREA ORTOLAN
Promoter - GGMStudios
Copyright by www.ggmstudios.com



VERSIONE ITALIANA
 
"Steve Lukather colpisce ancora!" Potrebbe essere il titolo dell'ultimo best-seller di Steve Lukather ma per il Luke scrittore avremo la pazienza di aspettare ancora un po' di tempo. Dopo dieci anni dal suo ultimo album solista "Luke", Steve ritorna con un nuovo capolavoro e decide di farlo alla sua maniera, in grande stile. Il 22 Febbraio prossimo quindi non prendetevi impegni, tenetevi liberi, liberi di poter ancora una volta sognare tra le note di uno dei chitarristi più osannati di tutti i tempi. L'album sarà intitolato "Ever Changing Times" e sarà ancora una volta targato Frontiers Records, quasi a continuare quel sodalizio intrapreso nel 2006 con i Toto.

 

La line-up presente negli undici pezzi è indiscutibilmente stratosferica: sembra quasi che Steve abbia voluto riunire una grande famiglia di musicisti e di personalità che hanno inciso notevolmente nella sua vita, prima di musicista e poi di uomo. Se parliamo di uomo e padre ci riferiamo di sicuro a Trevor e Tina, i suoi due figli, il primo impegnato alle chitarre e co-autore in due pezzi, la seconda ai cori. Se ci riferiamo invece agli amici di sempre come non menzionare Randy Goodrum autore di ballate strappa lacrime per anni con i Toto.

 

La famiglia allargata comprende poi Steve Porcaro impegnato nel brano di chiusura dell'album con i suoi sinth, e Joseph Williams presente su alcuni cori dopo essersi unito per alcune date nuovamente ai Toto nel recente tour. Gli amici di sempre poi fanno il resto: Greg Mathieson, le percussioni fenomenali di Lenny Castro, il talentuoso Jeff Babko, Abe Laborial Jr., Leland Sklar che ha sostituito in maniera egregia Mike Porcaro nel FiB Tour 2007, Phil Soussan, Steve Weingart, Bernard Fowler e il grande Bill Champlin che durante i giorni delle registrazioni si è unito alla line-up dal momento che anche Steve ha suonato nel suo ultimo album da solista. Tutti questi nomi hanno contribuito a creare un'alchimia unica, una sensazione e un'atmosfera che quasi si rendono fruibili ai nostri cinque sensi.

Ascoltare Ever Changing Times significa intraprendere un vero e proprio viaggio, un percorso tra vari generi musicali, rimbalzando tra mille emozioni e cariche di adrenalina allo stato puro.
La prima traccia, "Ever Changing Times", sembra riprendere il discorso che Steve ci aveva già iniziato con Falling in Between: la ritmica prog che si incastra allo straordinario groove di Abe Laborial sembra fatta apposta per farci saltare dalla sedia, sembra quasi che ci voglia svegliare dal torpore e dalla monotonia di tutti i giorni per darci una nuova carica, sfociando in un ritornello che sono sicuro resterà nella mente di tutti già dopo il primo ascolto. Pezzo che indubbiamente si presterebbe per essere un grande singolo!

 

Beh, se Steve ci voleva subito stupire e mettere in guardia non possiamo far altro che segnare l'uno a zero per Mr. Luke!!
Il secondo pezzo, "The Letting Go", è una fantastica ballata con un crescendo inaspettato verso la fine del brano dove Luke sfodera uno dei soli di chitarra più belli dell'album su di una base di basso e batteria ritmicamente contagianti. Meravigliosi i tappeti e gli arrangiamenti di Jeff Babko, che al pianoforte si diletta in sonorità tipiche della ballata "Made in Luke". Volevo sottolineare non solo il chitarrista, che è indiscutibile, ma le parti vocali di Steve che come al solito sanno ricreare quell'atmosfera ricca di calore ed emozione, come solo lui sa fare.


Si passa poi a "New World" altro brano dalle sfumature hard-rock che si intrecciano con maestria alle parti di chitarra acustica nel bridge. Questo è uno dei due pezzi che vede Trevor nel ruolo di co-autore assieme al padre, rivelandosi portatore di una ventata di sonorità dai caratteri sbarazzini e pungenti al tempo stesso . Il ritornello molto melodico fonda il suo successo sui cori di Joseph Williams, ex voce dei Toto, che fanno da sfondo alla voce di Steve.
Ed eccoci arrivati alla perla del disco: "Tell me what you want from me"! Steve imbraccia la sua dodici corde ed inizia a farci sognare.

 

La strofa farebbe pensare ad un'altra ballata, con sonorità alquanto psicadeliche riconducibili a quelle dei Pink Floyd, che sembrano quasi farci fluttuare in un vortice di estrema rilassatezza. Ma questa volta saremmo tutti quanti smentiti da un ritornello che prende forma dai power-chords di Trevor che scatena tutta la sua rabbia su una ritmica accattivante mentre Abe si destreggia tra stacchi con un groove sorprendente. Steve nel pronunciare "Tell me what you want from me" sembra infine rifarsi alle radici zeppeliane per improntare poi il solo, un mix di potenza, tecnica e gusto.
La coppia Lukather-Goodrum torna a farsi sentire in "I Am": la ballata è destinata a farci provare emozioni a non finire, puntando tutto sulla metodicità delle voce di Steve e della sua chitarra acustica. Molto importante è stato fin qui l'apporto di Randy, che speriamo di rivedere in sintonia con Steve ancora per decenni.


E' il momento di improvvisare, di jammare un po'. Ma con chi poteva mai fare una jam Luke dal momento che ha suonato al fianco di migliaia di musicisti durante la sua carriera? Beh, facile, con Jesus!! Un basso distorto molto accattivante viaggia parallelo al funk-groove di Abe mentre sullo sfondo un hammond mette i brividi. I cori la fanno da padrone per gran parte del brano e del break centrale con degli interventi blues di chitarra che si susseguono fino al termine.
Il settimo pezzo è intitolato "Stab in the back" e, come Steve ha più volte raccontato, si tratta di una sorta di tributo agli Steely Dan, vista la sua passione fin da ragazzo per questa storica band.

 

Infatti le sonorità cambiano radicalmente e basso, chitarra e batteria si rifanno a dei suoni molto anni settanta con uno stacco all'unisono sul finire della strofa sensazionale per tecnica e precisione. La vera sorpresa però non è un solo di chitarra alla fine del brano ma qualcosa di molto più impressionante ed inaspettato: Steve si mette a giocare con il suo talking box e si scatena in un solo molto divertente...speriamo di aver l'opportunità di vederlo dal vivo in questa situazione nel prossimo suo tour.
Ottavo brano, "Never ending nights". La melodia e il testo sono i protagonisti di una ballad che si adatterebbe a fare da colonna sonora per qualche film. Spero che la vena romantica di Steve non si esaurisca mai, con la speranza che non finisca mai questa notte di ascolto, come lui canta nel ritornello.

 

Rullata potente sui tom e si parte con "Icebound". Il sound è allucinante e ricco di bassi..solo un maxi impianto hi-fi rende il giusto onore ad "Icebound"! Qui le sonorità si fanno più blues con dei break di chitarra intervallati, il tutto accompagnato da un tappeto di percussioni del grande Lenny Castro. Interessante il botta e risposta tra chitarra e tastiere che rende il pezzo molto originale e per niente scontato. Da gustare.
Molto funk anche la strofa di "How many zeros", un pezzo che per qualche ragione vedrei ben interpretato anche dai Toto nel loro insieme, forse per i cori del ritornello. Di effetto il break verso la parte finale con le note di Steve che accavallano un mini solo di Abe Laborial Jr. che si destreggia tra i tom ed il suo energico snare drum.


L'album non poteva chiudere se non con un'altra chicca: "The Truth". Il famoso pezzo strumentale che ha fatto molto parlare di sè da parecchi mesi or sono per la presenza di Steve Porcaro, the Wizard, il mago dei synthesizers. Il tema centrale della chitarra di Luke sostituisce la parte vocale e con estrema dolcezza sembra prenderci per mano, per portarci questa volta alla fine di questo lungo viaggio, un lungo viaggio chiamato "Ever changing times".
Anche in questo album Steve, come già nei suoi album precedenti, mette in luce il suo totale rifiuto per il classico disco solistico del chitarrista virtuoso. Infatti ci troviamo di fronte ancora una volta ad un album di canzoni, nel senso più stretto del termine.

 

Non abbiamo bisogno di sentire solo la tecnica di Luke e della sua chitarra: di tutto questo abbiamo avuto già prova durante la sua lunghissima carriera di musicista. Questo musicista ha saputo ancora una volta catturare la nostra attenzione con il gusto, l'energia, il groove, la tecnica, e con i suoi sentimenti. Il mix di tutte queste componenti sfocia in "Ever changing times", e ne fa un vero e proprio capolavoro.
Ho seguito molto persino le fasi iniziali di questo album, attraverso il diario di bordo di Luke, con i video delle registrazioni in studio. Forse è per questo motivo che lo sento ancor più mio. Ho potuto notare con quale cura e maniacale attenzione Luke si sia concentrato anche sui minimi particolari, lasciando nulla al caso.

 

Per esempio scegliendo il tipo di modello di amplificatore per ogni canzone, cercando di ricreare il suono appropriato per ogni singola situazione. Ho notato poi la sintonia che era presente durante quella settimana di registrazione tra i componenti della band e la voglia impressa negli occhi di Steve di creare questo nuovo progetto fortemente voluto. Un plauso finale poi credo sia giusto darlo al co-producer Steve Macmillan, che ha svolto un lavoro veramente eccellente imprimendo alle registrazioni un standard qualitativo veramente elevato.


Molto significativo anche l'artwork dell'album, a calcare ancora una volta i tempi che continuano a cambiare, le nuvole in cielo che porteranno sicuramente altri cambiamenti con Luke seduto tranquillo nella sua poltrona stile retrò con gli occhiali da sole quasi a voler dirci: "Hey, ragazzi! Le stagioni continuano a cambiare incessantemente, le mode si susseguono di continuo, il tempo cambia le sue innumerevoli sfaccettature..ma nonostante tutto questo, io sono sempre qui, il Luke di sempre!" In effetti questa immagine si presta benissimo a innumerevoli chiavi di lettura, è soggettivo. Io la vedo in questo modo: "Ok, i tempi cambiano, le mode passano, le stagioni si susseguono, ma non riesco a vedere nessun altro seduto sul quel trono, se non il grande Steve Lukather!".


ANDREA ORTOLAN
Promoter - GGMStudios
Copyright by www.ggmstudios.com


 

The complete track listing is as follows.


Ever Changing Times, The Letting Go, New World, Tell Me What You Want From Me, I Am, Jammin With Jesus, Stab in the Back, Never Ending Nights, Icebound, How Many Zeros, The Truth.

Best known as guitar player and singer for TOTO and tireless session man, Steve Lukather released so far three vocal solo albums. "Ever Changing Times" is certainly another musical gem to be added to the list of top quality productions featuring his classic trademarks: exquisite playing, finely crafted productions and a very diverse range of music styles, encompassing heartfelt ballads, straight-ahead rockers and fusion extravaganza.

The result of this new studio effort, which lasted several months in between Toto tours during 2007, are eleven songs which incorporate all aspects Steve Lukather is well known for. "The record rocks harder than Toto, but there is enough melodic stuff on there to please any Toto fan. There is also stuff that sounds youthful because my co-producer Steve Macmillan and my son were keeping me honest and up to date" says Luke, "It shows a lot of my influences and music I like. If it sounds good, then I keep it".

Steve of course could not make it all on his own. How could a musician that played on hundreds of records of other amazing artists could make it without some help ? But this time there are some very special people and friends involved. "My writing partner / executive producer Randy Goodrum suggested that I should do this record. He got me excited to do something different and work with such great players and songwriters. I was also thrilled that my son Trevor co-wrote 2 of the tunes with us and my daughter sang on a tune and all my friends and amazing musos came out to support". The list of special guest also includes former Toto singer Joseph Williams and Chicago's Bill Champlin on background vocals, Leland Sklar on bass, Steve Weingart, Jeff Babko, Randy Goodrum on keyboards and synths plus a Steve Porcaro cameo on one track, Abe Laboriel Jr. on drums and other friends and guest stars who all lent their talent to ensure a truly exciting and fresh result.

"I think if you blindfolded rock critics and played them "Tell Me What You Want From Me", they would be VERY surprised to find out who the artist is", says Luke presenting the songs on the new album, adding "I also really like the way "Stab in the Back" turned out. I am a Steely Dan fan and I know Donald Fagen and Walter Becker and this was a tribute to them".
 


"Ever Changing Times" offered Steve Lukather a unique chance to showcase his invigorating musical freedom and is set to give the listener a complete reward for his attention and dedication.
Steve Lukather - vocals, guitars, keyboards
Trev Lukather - guitars, vocals
Tina Lukather - vocals
Abe Laborial jr. - drums
Leland Sklar - bass
Phil Soussan - bass
Steve Weingart - keyboards
Jeff Babko - keyboards
Randy Goodrum - keyboards
Steve Porcaro - synthesizers
Greg Mathieson - Hammond
Joseph Williams - vocals
Bill Champlin - vocals
Bernard Fowler - vocals
Lenny Castro - percussion

Ultimo aggiornamento Lunedì 01 Giugno 2009 09:47
 

Mp3 Player

Visit Counter

mod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_counter