Login



Don't you have an account? Register to join the fanclub and GGM newsletter, it's free! Non hai ancora un account? Registrati per unirti al fanclub e alla GGM newsletter, è gratis!

Designed by:
SiteGround web hosting Joomla Templates
MR BIG "BACK TO BUDOKAN" REVIEW PDF Stampa E-mail
Scritto da Andrea   
Mercoledì 07 Ottobre 2009 10:15
                                                             
                 
Il GGM Studios è davvero orgoglioso di poter finalmente parlare della reunion dei Mr Big, una reunion davvero inaspettata per tutti i loro fan che oramai avevano perso le speranze di poterli rivedere ancora una volta dal vivo. Ma andiamo con ordine.

La reunion porta con sé un infinità di buone notizie per quanto riguarda la storica band. Come prima cosa la line up, con il mitico Paul Gilbert che ritorna al suo ruolo di chitarrista indiscusso. Dopo gli ultimi anni trascorsi con Richie Kotzen alle sei corde e dopo un tragico licenziamento per Billy Sheehan sono seguiti anni di silenzio per i Mr Big fino al giorno in cui qualcuno ha pensato che sarebbe stato davvero un peccato non rivedere questi quattro giovanotti ancora tutti insieme sul palco col la loro formazione originale….e così è stato! Dopo le prime indiscrezioni i Mr Big si sono impegnati in un  lungo tour mondiale con concerti che hanno  riempito i palazzetti e sfornato sold out ovunque! Ma non finisce qui!

 

La band ha trovato un accordo con Frontiers Records, la mitica etichetta discografica italiana, per portare alla luce un nuovo album, in particolare un live cd doppio e un live dvd doppio che uscirà proprio tra pochi giorni, il 16 Ottobre 2009. Si tratta della registrazione effettuata durante il tour giapponese svoltosi a giugno presso lo storico tempio della musica in terra nipponica: il Budokan! Il nuovo live si intitolerà infatti “Back to Budokan”….decisione più che saggia dal momento che i Mr Big sono osannati come della divinità in Giappone e l’acustica del Budokan, a detta degli esperti, è una delle migliori di tutto il mondo. 

Noi del GGM abbiamo potuto seguire da vicino le fasi della reunion della band, forti della nostra continua collaborazione con Frontiers, che non finiremo mai di ringraziare abbastanza per il lavoro che sta svolgendo con questi storici gruppi, e poi perché abbiamo assistito con grande piacere all’unica data prevista per questo tour in Italia. Lo scorso 24 settembre infatti eravamo presenti all’Alcatraz di Milano per festeggiare questo atteso ritorno…..con uno strabiliante Sold Out…tanto per cambiare!!!

Diamo così uno sguardo in anteprima per i più curiosi al nuovo album, procedendo di pari passo con i dolci ricordi che ci ha riservato lo show milanese….

Lo show non poteva non aprirsi con uno dei pezzi più adrenalinici dei Mr Big: “Daddy, Brother, Lover, Little Boy”  groove da paura con una botta che cerca di scrollarsi di dosso le ruggini degli anni del silenzio….sempre che ci fossero! La folla va in delirio durante il solo tanto atteso del figliol prodigo Paul e soprattutto nella parte finale accompagnata dall’immancabile “trapano alla Gilbert”!  Si passa poi alla storica “Take Cover” con il solito ritmo di Pat Torpey su tom e timpano e la ritmica impeccabile di Gilbert.  Fin dai primi pezzi si intuisce subito la grandezza, non in termini di statura, di un cantante unico al mondo nel suo genere come Eric  Martin….il tempo per questo ragazzo sembra essersi fermato!

Terzo pezzo: qui la storia si fa realtà con “Green Tinted Sixties Mind”. I cori la fanno da padrone e il pubblico sembra apprezzare.  Preciso e impeccabile come al solito il solo di Gilbert e lo storico riff iniziale e finale in tapping del pezzo.  E’ il momento di “Alive and Kickin’” che prende avvio con un breve intro solistico di Paul. Il tappeto di basso creato da Billy è davvero unico….questa band sembra composta decisamente da più di quattro persone! Prima sorprese della serata chiamata “Next Time Around”, il nuovissimo inedito inserito nel nuovo live. Riff iniziale di basso e chitarra all’unisono ed entrata prepotente sui crash di Pat. Il pezzo è destinato a diventare un tormentone radiofonico del prossimo autunno accompagnato anche dal video clip realizzato dalla band in studio prima di partire per il tour.

Seconda sorpresa della serata “Hold Your Head Up”, il secondo inedito del nuovo album live. I due singoli sono riproposti alla fine del secondo cd come tracce bonus in versioni studio. Pezzo decisamente fuori dai canoni Mr Big con sonorità un po’ seventy condite con il tormentone del coretto che da il titolo al brano. E’ il momento di regalare un po’ di dolcezza alla platea nipponica con “Just Take My Heart”.  Apre Paul con l’arpeggio indimenticabile, per altro quasi mai eseguito dal vivo, e a Milano scattano in alto gli accendini. E’ il momento di ritornare a far sul serio: “Temperamental” con il botta risposta tra Eric e il pubblico e il sottofondo dei campanacci di un Pat davvero in forma spettacolare.  Molto carina la parte finale con belle improvvisazioni di basso, chitarra e del solito Martin. Una versione davvero indimenticabile.

“It’s For You” è una dimostrazione dell’abilità della band ad intrecciare e sincronizzare i mitici cori, aspetto saliente della band durante gli anni. Arriviamo così al primo appuntamento solistico della serata….ce ne saranno molti durante lo show. Pat è davvero in uno stato di grazia e lo dimostra la sua precisione e pulizia negli incastri. Inizia tra le urla giapponesi facendo cantare i cerchi metallici dei suoi tom per poi sfoggiare la sua tecnica e il suo doppio pedale, secondi a nessuno!  Si passa poi a “Price You Gotta Pay” dove la band esprime tutta la sua rabbia e potenza negli stacchi immancabili del ritornello.  Bello il botta e risposta tra Billy e Paul con Eric che improvvisa con la sua voce calda.

E’ il momento di “Stay Together”  dove Paul sfoggia un bellissimo solo prima di imbracciare per la prima volta della serata la chitarra acustica per la memorabile “Wild World”: il pubblico canta da solo e la band riprende in seguito la mitica cover interpretata magistralmente …. davvero da pelle d’oca! Non è ancora giunto il momento di deporre l’arma acustica. “Goin' Where The Wind Blows” è accompagnata dall’inizio alla fine dal battere delle mani a tempo con gli accordi di Gilbert. Ancora una volta Eric dà una dimostrazione della sua bravura emozionando l’intero Budokan. L’ultimo pezzo del primo cd è “Take A Walk” con Eric che incita ad avere un po’ di buon sano rock’n roll alla Mr Big. Dopo la parte iniziale con l’acustica la band si scatena nel finale con un solo di Paul, un groove contagiante e un finale tutto dedicato alle rullatone di Pat.

Il secondo cd si apre con il solo di Paul mentre la Band prende una boccata d’aria più che meritata. Nulla da dire sul solo di Gilbert: non c’è bisogno di affermare ancora una volta le indiscusse abilità tecniche di questo chitarrista che riesce a portare la pennata alternata ad una velocità davvero inconcepibile per l’essere umano! Entra poi in scena Billy per un “ solo duo” dei protagonisti della serata. La cosa davvero sorprendente è vedere Sheehan  che esegue le stesse parti di Paul con una semplicità disarmante! E questo ai giapponesi sembra fare davvero gola! Ma non è ancora finito: entrano in gioco anche Pat che si mette a suonare la tastiera di Billy ed Eric quella di Gilbert per un solo a otto mani: impressionante!Ricomposta la band è il momento di un altro storico pezzo: “The Whole World's Gonna Know”: davvero imbarazzante la perfezione di Gilbert anche in questo caso.  “Promise Her The Moon” è il pezzo che riporta il clima in un contesto d’amore dopo tanto rock elettrizzante per poi passare a “Rock N Roll Over” tanto per riprendere il tema centrale della serata. E’ il momento del solo del mitico Billy: sembra un solo di chitarra in tutto e per tutto. Del resto lui è il solo bassista che suona il basso come si trattasse di una chitarra: magari in un’altra vita….! Addicted To That Rush è il brano seguente: duello tra Billy e Paul con i colpi singoli a tempo di Pat sull’hi-hat e poi botta allo stato puro e folla in delirio!

Segue poi la presentazione della band e il pezzo immancabile in ogni concerto dei Mr Big….quello del successo:  “To Be With You” con il pubblico che canta con gli eroi della serata.  Ecco poi il pezzo tanto atteso: “Colorado Bulldog”: basso, batteria e chitarra pronti per il celebre intro. Pat davvero mostruoso con il suo groove, colonna portante della band.

“Smoke On The Water” è la terza sorpresa inedita della serata eseguita soltanto per la serata di Tokyo, cantata da Billy Sheehan che si dimostra anche abile cantante. Soli e rullate si succedono per una versione davvero long dello storico pezzo dei Deep Purple.  Segue poi un piccolo omaggio al Giappone, paese ospitante, con “I love Japan”, terra che li ha da sempre consacrati nell’olimpo del rock internazionale che conta.  E lo show volge al termine con due cover “Baba O’ Riley” e “Shy Boy” come nei vecchi live degli anni novanta, quasi a volersi augurare un nuovo successo sulle orme di quei mitici tempi.

Per quanto abbiamo potuto vedere anche noi a Milano la band gode davvero di una salute di ferro, portando con se un entusiasmo e una voglia che si era smarrita qualche anno fa per motivi ancora sconosciuti.  Frontiers  Records ha poi dato una ventata di ottimismo anche in prospettiva futura, anticipando anche che il prossimo anno la band è intenzionata a rinchiudersi in studio per sviluppare le nuove idee che porteranno senza dubbio ad un nuovo album di inediti.

Quello che vogliamo dire e urlare a voce alta è soltanto una cosa: Grazie Mr Big!!!

Continuate a seguirci perché presto avremo anche delle anticipazioni sul doppio dvd in uscita sempre il 16 ottobre prossimo con degli extra davvero da non perdere e una confezione particolare dedicata a tutti i collezionisti e amanti della band.

Desideriamo ringraziare: Frontiers Records per tutto, Live Srl e in particolar modo il mitico Braz.

GGM Staff

 

 

Ultimo aggiornamento Sabato 24 Ottobre 2009 18:40
 

Mp3 Player

Visit Counter

mod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_counter