Login



Don't you have an account? Register to join the fanclub and GGM newsletter, it's free! Non hai ancora un account? Registrati per unirti al fanclub e alla GGM newsletter, è gratis!

Designed by:
SiteGround web hosting Joomla Templates
Phil Soussan's interview PDF Stampa E-mail
Scritto da Administrator   
Giovedì 04 Giugno 2009 21:09

INTERVISTA A PHIL SOUSSAN

 - a cura di Marco Machera - 9 Settembre 2006 -

Marco- Hey Phil! How's going "Vibrate" so far? Are you satisfied with the results?

Phil- It is going well but slow. The whole music business is slow these days! I keep getting emails from people saying "...when are you going to release your solo album!" I love the record and the way that it came out... my only criticism is that maybe I polished it a little

too much... but that is what felt right at the time.

Marco- How would you define the music of "Vibrate"?

Phil- Provocative lyrics, diverse styles, melodic, memorable and yet commercial. This is what I have been told by my fans!

Marco- Can you tell us something about the  guests that play on the album?

Phil- Yes. Gregg Bissonette and Simon Philiips on drums - these are my good friends and the greatest drummers alive today! I am very flattered to have them on this record. Jeff Babko handled the keyboards and David Paich played all the piano. Those guys are truly

wonderful and super talented. Steve Lukather and his son Treveor also made appearances as well as Shane Fontayne and Richie Kotzen. Shane and I played together in John Waite's band and with Johnny Hallyday. Richie, I was out on tour with him for his last 3 world tours.

Marco-Are you going to organize a tour in support of your solo album?

Phil- I am doing 2 gigs in September - one on the 12th and one on the 26th. Both are at the Baked Potato in Los Angeles and they are my first shows. If all goes well then I am going to start playing more shows and I hope that I can tour at that time.

Marco- Steve Lukather is a close friend of yours. What are your memories about the  recording and writing process of the "Luke" album? (One of my fav records ever)

Phil- Steve wanted to work with me on the Luke album after he heard some demos that I had recorded for a possible solo project. When I played with Johnny Hallyday in Paris I invited Steve to come and play on stage with us and that was when we decided to work together. We wrote most of the songs that I was involved with in about 40 minutes each! We write very fast together. Steve does not like too spend too much time writing although I did a lot of work and demoing after he would leave. I think that magic happens when we write together - we have a great chemistry. Funny thing is that I have the same chemistry with his son Trevor. Trevor and I write all his songs together. The best thing was when Steve played me the riff in "Tears of my own Shame" . That was all he had and he said that he didn't really like it. After Steve left for the day I listened back to it and I wrote the whole song - music melody and lyrics in about 20 minutes. It was 4 in the morning and I called Steve and made him drive over to my house where I played him the finished song - he loved it! That was magic - but it would be nothing without that riff. Also "Broken Machine" is the best lyric I have ever written - I think!

Marco- You also shared the stage with Luke during the tour with Edgar Winter. I've  read that you had very little time to rehearse all that challengin' stuff. What  can you tell us about that experience?

Phil- Yes, we had one rehearsal for 2 hours! Luke told me to learn the material and I thought that I had done a good job. I knew the songs and I was ready to improvise but then at the rehearsal I found oout that Edgar likes the music too be EXACTLY the same as on the record and I had no idea what that was! I SUCKED!! Like told me that I had to learn everything just like the record or we would be in trouble. I went home and studied those tapes religiously. That first show at the New Morning in Paris I was so nervous I almost had to wear a diaper! But it turned out really good! From then on we had a lot of fun in that band!

 

Marco-You do a lot of touring. Do you have any funny memories about touring that you'd like to share with us?

Phil- Only that I love it. It is so great to meet different fans every time and that touring and playing live is the only true art in music. You cannot steal or download a live performance and if you can't play it live then the studio is not really a substitute. I love when we push ourselves to the limit on the live shows because when it works out it is magical and when we fuck up it is magical too! Miles Davis said " ...you don't really start to play until you start to make mistakes" He is right. One night II went to take a bass solo and I was using a new wireless system that was compressing my signal. When I went into a slap solo the compression sucked out all the notes and I couldn't do what I wanted to do. A guy in the audience shouted at me.. he said " ...Yeah, yeah, you suck!" I wanted to kick his ass, but I knew that he was right! The next night I played the best gig on the tour!!

Marco- What do you think about Toto latest album, "Falling In Between"? I know you were involved in some engineering on the record.

Phil- I did much less on that record than I wanted to do. I think that "Falling" is the best record that they have done in years - I LOVE it! What a great group of musicians. THAT is a band - like Steeley Dan or like Mahuvishnu. That is one album that will live in eternity.

Marco- You're also a well known producer: what brought you to pursue this other career?

Phil- I was always involved in engineering and production in everything that I ever did. I love that I can hear a song on the guitar or piano and hear the finished thing in my head. When I show the artist they freak out! That is the second best feeling in the world!

Marco- What do you think of music biz today? A lot of young and talented musicians can't really find their way to make a living with music or being successful.

Phil- I know. It sucks. It is just as hard for US too, in this day and age I really don't know what else to tell you about this.

Marco- So what are your plans for the near future?

Phil- I have just put together a "supergroup" called Big Noize. We are all of related bands and we shall be touring next year. We just recorded a live DVD in Nashville that will be available in January of all of our biggest hits! If you want to find out more then go to my website at www.philsoussan.com !

Marco- Could you please say "hi" to all the readers of GGM Studios?

Phil- Hi all you crazy readers of GGM Studios! Thank you for allowing me to enter into your head - even for a moment!

copyright by Marco Machera ggmstudios

******************************************

Marco- Hey Phil! Come sta andando "Vibrate"? Sei soddisfatto dei risultati ottenuti?

Phil- Sta andando bene, ma prende quota lentamente. L'intero music business è lento al giorno d'oggi! Continuo a ricevere e-mail da persone che mi chiedono "...quando uscirà il tuo disco solista?"... Adoro l'album e il modo in cui è uscito fuori... l'unica critica che forse posso muovere è che ho "pulito" un pò troppo il suono, ma rappresenta ciò che pensavo fosse giusto fare al tempo della registrazione.

Marco- Come definiresti la musica di "Vibrate"?

Phil- Testi provocanti, stili differenti, melodico, memorabile e anche commerciale. Questo è quello che mi hanno detto i miei fans!

Marco- Puoi dirci qualcosa degli ospiti che suonano sul disco?

Phil- Si. Gregg Bissonette e Simon Phillips alla batteria - sono buoni amici e i migliori batteristi in circolazione! Sono molto onorato di averli sull'album. Jeff Babko si è occupato delle tastiere e David Paich di tutte le parti di pianoforte. Questi ragazzi sono fantastici e super talentuosi. Steve Lukather e suo figlio, Trevor, hanno registrato qualcosa, così come Shane Fontayne e Ritchie Kotzen. Io e Shane abbiamo suonato assieme nella band di John Waite e anche con Johnny Hallyday. Con Ritchie ho suonato nei suoi ultimi tre tour mondiali.

Marco- Organizzerai un tour per promuovere "Vibrate"?

Phil- Farò due concerti a Settembre - uno il 12 e l'altro il 26. Suonerò al Baked Potato di Los Angeles e saranno i miei primi concerti in veste da solista. Se tutto andrà bene, comincerò ad organizzare nuovi show e spero presto un vero e proprio tour.

 

Marco- Steve Lukather è un tuo grande amico. Cosa ricordi della collaborazione su "Luke" (uno dei miei dischi preferiti!)?

Phil- Steve volle lavorare con me su "Luke", dopo aver ascoltato dei demo che registrai per un possibile solo album. Quando ho suonato con Johnny Hallyday a Parigi, ho invitato Steve a suonare con noi sul palco, ed è stato li che abbiamo deciso di collaborare assieme. Ci mettevamo 40 minuti a scrivere ogni canzone, almeno quelle alle quali ho partecipato io! Lavoriamo molto velocemente insieme. Steve non ama stare troppo tempo a scrivere musica... di solito mi occupavo di rifinire tutto il materiale e registrare nuovi demo, dopo che lui se ne andava. Credo che ci sia un qualcosa di magico quando scriviamo assieme - una buona alchimia. Il bello è che la stessa alchimia si ripresenta quando lavoro con suo figlio, Trevor. Io e lui scriviamo tutto il suo materiale insieme. Un episodio simpatico che mi ricordo della registrazione di "Luke" è quando Steve mi fece ascoltare il riff di "Tears Of My Own Shame". Era tutto quello che era riuscito a tirare fuori quel giorno, e non gli piaceva granchè. Dopo che Steve andò via, ascoltai di nuovo il riff e riuscii a scrivere l'intera canzone - la melodia e il testo in circa 20 minuti. Erano le 4 del mattino e chiamai Steve convincendolo a farlo venire a casa mia, dove ascoltò il brano completato da me - gli piacque da morire! E' stato magico - ma tutto è nato grazie al suo riff. Anche "Broken Machine"... è il testo migliore che io abbia mai scritto - credo! "Luke" è stato veramente un album speciale per me.

Marco- Hai anche condiviso il palco con Luke durante il tour con Edgar Winter. Ho letto che disponevate di pochissimo tempo per provare tutto quel materiale… cosa puoi dirci di quell’esperienza?

Phil- Si, abbiamo fatto una sola prova di due ore! Luke mi chiese di imparare le canzoni e pensavo di aver fatto un buon lavoro. Mi sentivo pronto e pensavo anche di poter improvvisare, ma alle prove scoprii una cosa... Edgar vuole che la musica sia suonata ESATTAMENTE come è stata registrata su disco, e io non avevo la minima idea di come poterlo fare quel giorno! Suonai da SCHIFO! Perciò Luke disse che dovevo imparare tutte le parti così come erano su disco, sennò sarebbero stati guai. Andai a casa e studiai le parti religiosamente. Il giorno del primo concerto al New Morning di Parigi ero così agitato che ho quasi dovuto indossare un pannolone! Ma andò tutto molto bene! Da quel momento in poi, ci divertimmo un sacco con la band.

Marco- Molto spesso ti trovi in tour... qualche momento particolare, divertente che ricordi con piacere?

Phil- Ricordo solo i momenti piacevoli. E' grandioso incontrare i fans ogni sera, e suonare dal vivo è davvero l'aspetto più bello della musica. Non puoi rubare o scaricare una performance live, e se non sei capace di suonare dal vivo, lo studio non è decisamente un rimpiazzo. Trovo fantastico spingersi fino al limite durante uno show, perchè quando tutto va per il verso giusto è magico, e anche quando non tutto va per il verso giusto è magico lo stesso! Miles Davis una volta disse "...non inizi mai a suonare sul serio finchè non commetti errori" (...you don't really start to play until you start to make mistakes") Aveva ragione. Una sera suonai un assolo di basso, e stavo usando un nuovo sistema wireless che finì per comprimere il mio segnale. Quando cominciai una parte del solo in slap, la compressione rovinò completamente il suono e non riuscìì a suonare come volevo io. Un tizio tra il pubblico gridò "Si, si, fai schifo!". Avrei voluto dargli un calcio nel culo, ma sapevo che aveva ragione! La sera dopo ho fatto il concerto migliore del tour!

Marco- Cosa ne pensi del nuovo disco dei Toto, "Falling In Between"? Sei stato coinvolto nella fase di produzione.

Phil- Ho contribuito molto meno di quanto avrei voluto. Credo che "Falling" sia l'album migliore che i ragazzi abbiano prodotto da qualche tempo a questa parte - mi piace un sacco! Che musicisti straordinari. QUELLA è una band - tipo gli Steely Dan o la Mahuvishnu Orchestra. E' un disco che vivrà in eterno.

Marco-  Sei anche un produttore molto noto...

Phil- Mi sono sempre occupato della produzione in ogni disco che ho fatto. Mi piace il fatto di poter ascoltare una canzone alla chitarra o al piano e immaginare il brano completo nella mia testa. Quando faccio ascoltare il risultato ai musicisti di turno, ne vanno matti! E' la seconda migliore sensazione al mondo!

Marco-  Che opinione hai del music business odierno? E' sempre più difficile mantenersi con la musica...

Phil- Lo so. E' molto triste. E' molto faticoso anche per NOI, non so veramente cos'altro dirti a proposito di questo argomento.

Marco-  Dunque... in quali progetti sei coinvolto ultimamente?

Phil- Ho appena messo su un "supergruppo" chiamato Big Noize. Proveniamo tutti da gruppi piuttosto famosi e credo che faremo un tour l'anno prossimo. Abbiamo registrato un DVD a Nashville poco tempo fa, che sarà disponibile a Gennaio. Se volete saperne di più, andate sul mio sito www.philsoussan.com !

Marco-  Vuoi dire qualcosa a tutti i lettori del GGM Studios?

Phil- Ciao pazzi lettori del GGM Studios! Grazie per avermi permesso di entrare nella vostra testa - anche per un solo istante! Vi amo tutti!

Phil Soussan...

copyright by Marco Machera ggmstudios

I love you all..

Phil Soussan ...

The Luke album was very special for me.

 

Mp3 Player

Visit Counter

mod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_counter