Login



Don't you have an account? Register to join the fanclub and GGM newsletter, it's free! Non hai ancora un account? Registrati per unirti al fanclub e alla GGM newsletter, è gratis!

Designed by:
SiteGround web hosting Joomla Templates
INTERVISTA A SCOTT PAGE PDF Stampa E-mail
Scritto da Administrator   
Giovedì 04 Giugno 2009 21:06

Interview to Scott Page

by Marco Machera


Marco: Hey Scott!

 

Scott: How are you, my friend?

 

Marco: I’m fine thanks, and you?

 

Scott: Very very good, thanks... I’m very pleased to talk to you, thank you for being so patient... there was so much goin’ on the last few months...

 

Marco: Yeah, many thanks to you and the NewMBC for the hard work on the Network, I really enjoy visiting it...

 

Scott: My pleasure, thank you too for being on the Network and being such a great contributor.

 

Marco: Thank you! So, are you ready to start the interview?

 

Scott:  Sure, let’s start!

 

Marco: When did you start to get interested in developing multimedia projects?

 

Scott: Mmm... back in 1990 I did my first CD-Rom for an American company, and it was basically music for computers, background music for presentations. On that project I called the LA guys, all the different music friends of mine, to create the very first “All Star Band” doing this. Jeff Beck was also part of this project, we would flying around to all the music trade shows, basically demonstrating the project, and we went to a show at Las Vegas called “Come Back”, a big computer show, and I basically was sitting on a chair, looked across the room, and I saw something up on the computer monitors... I walked over to it, and I basically saw my future.

 

Marco: wow!

 

Scott: It was a project called “Grandma” for children, an interactive storybook, it was the first of its kind, and when I saw that, I completely changed my whole direction. At that time, I was playing with Pink Floyd and was out on the road, and in between tour dates I started hangin’ out with programmers who were involved in  multimedia, and really started to move my way into that area, starting a company called “Seventh Label”, a game company, an educational title company. I left Pink Floyd to run that company, now I’m just hooked on multimedia... we started this new label of multimedia broadcasting, NewMBC, Toto is the first “caster” basically, and you folks...

 

Marco: Speaking of Toto Network... what is the main idea behind the Network? Why would you suggest to all the fans to join it?

 

Scott: What we’re doing is basically trying to create a system where the band can interact with the band, the band with the fan, the fan with the band, the fan with the fan! A central system where the people that come on on the Network can actually be closer to the artist...

 

Marco: I noticed...

 

Scott: What you think so far Marco, is just the beginning. You’ve probably been hearing about the “Mashcaster”... which is a piece of software that we’re basically building right now, a desktop client that you’re gonna download, that the Toto Network will be inside of, and inside that you have all the real time broadcasting, mashing capability, content creation, and everything inside the community. A little hard to explain, but this will bring a whole different kind of interaction between the band and the fan, the fan to the fan, and the band to the band... we’re really trying to bring the community together of shared interest, and one of the things we’re going to be doing in this next few months, will be launching channels... you’ll hopefully go on-line, you go to what we call “Mashcast”, and you’ll be able to download a complete Toto Network on your own. We’re gonna basically serving all the musicians out there to create businesses for their fan base...  you know, “I’m in multimedia”, “I’m in video” and all that...

 

Marco: I’ll be able to create a “Marco Network” dedicated to my music?

 

Scott: Oh yeah, you can have a “Marco Network” if you’d like, ahahah. If you have a band up, and you’re working  on building a fan base up, you work your gigs, you make sure you get people to sign up, you offer them cool contents... you start growing it.

 

Marco: ahahah, oh well maybe it’s a bit too early to do that.

 

Scott: It’s really for people which are trying to make a living with it and move their business forward, because in today’s market the musicians really need to be indipendent, have to create their own business, because record labels, the whole business model is completely changing. You have to take charge of your business...

 

Marco: I completely agree. And what about your music career? Are you still involved in touring and playing with bands these days?

 

Scott: I play some, I don’t really tour anymore, ‘cause I’m so busy with my business... but I do do some recording sessions, I worked on some stuff for the Kiss guys, some stuff for Jane’s Addiction a while back, I did a David Lee Roth record last year. You know, I do a few things on sessions, and then play some live gigs. I have a band called “Hang Dynasty”, together with guys from Tower Of Power and Jeff Beck backing band, and we play few gigs at year, mostly for fun or for charity events and things like that.

 

Marco: How did you start in music business as a saxophone player?

 

Scott:  Well, that’s very interesting... it goes all the way back to the Toto guys before they were Toto. I got in a band with Jeff Porcaro, early young, called “Mercyful Soul Band”... I was 18, Jeff was 14. I was at that time studying to be an architect... being in that band was so much fun, mainly because there were a lot of girls around, ahahah. Then David Paich came in and then we had the band called “Rural Still Life”, which included myself and Jeff Porcaro, and those early days really got me into the music business... so at that time I was playing trumpet in college, and then a couple years in I started to pick up the saxophone, working with a gentleman by the name of Stan Werk in a club in Canada... he used to do a lot of television work... so he basically really helped me with the instrument, from that point on I became a saxophone guy. In the late 1977 I started collaborating with famous artists such as Diana Ross, Duran Duran, Supertramp... Pink Floyd...

 

Marco: Nice story, indeed!

 

Scott: Yes, it is! You know, I’m a technology guy, so my whole goal in life was to have basically three careers... I decided I wanted to play music for a while, then I wanted to get into business with multimedia projects, and then my last one... that I’ll do hopefully in a few years, is to get into documentary. The first documentary I’m gonna do is based on Pink Floyd, because I shot several hundred hours of footage while on tour... I’m planning to put together a documentary about that whole experience in a few years.

 

Marco: I have an old VHS of the memorable concert that Pink Floyd played in Venice in 1988... my father recorded it on TV.

 

Scott: Yeah, I have a lot of footage from that... I stayed up for basically four or five days, shooting the whole setting up of that... it was really an incredible concert. They built the stage on water...

 

Marco: Are you still in touch with David Gilmour?

 

Scott: I just saw Dave about a month and a half ago, two months ago, when he was playing in Los Angeles, at Universal Amphitheatre, with his band... you know, he’s got a new record out. I went to see Dave, and it was great... we had the chance to hang out after the show. I’m a big Gilmour fan, I learnt so much from him...

 

Marco: I’m a big fan too!

 

Scott: Oh, he’s my hero. He’s the master of melody... there’s no question. When I was in Pink Floyd, I played guitar on “Comfortably Numb”... when he do the solo at the end... it was so beatiful. He rocks so hard. Beautiful thing about Dave is his sound, no matter how loud it is, it never hurt your ears. He has the most beautiful tone, so I just used to really study is playing... he would actually kill you with the spaces that he leave, more than the notes that he play. He is just really really good playing beautiful melodies and memorable stuff. I’m also trying to see Nick Mason... he’s gonna be out with Roger Waters on his tour, I’m gonna try to see them in next few months. It’s really not over, I communicate with them some, not that much, but we still chat sometimes.

 

Marco: I’ve just read that Gilmour solo on “Comfortably Numb” was voted as the best guitar solo ever in Britain...

 

Scott: Oh, wow... you know, that’s funny, I actually started doing a record where I wanted to put that tune, and play his “Comfortably Numb” solo on my saxophone. I was planning on doing it, and never got around to do it, would be great. When we played in Venice... mmm, well not in Venice, anyway, one night he played the solo at the end of the song, he went on it for about five minutes, it was the most beautiful guitar solo I’ve ever heard in my life, it was just UNBELIEVABLE. So melodic, so musical... what I wanted to do was to play that exact solo he played that night with my saxophone on a record...

 

 

Marco: This is a difficult question, but I’m gonna ask you anyway. You played with so many great musicians during your career... is there someone you didn’t have the chance to play with and you would like to?

 

Scott: mmm... wow, let me think about it... so many great players... I would have loved to play with Junior Walker. He was my all time hero, I love Junior Walker and the way he played... really a Rock n’ Roll saxophone guy... I would have loved to share the stage with his band playing some tunes. I look back to some of my heroes I just loved through the years... I was a big fan of Nat King Cole, I loved him very very much. I would have loved to play with The Rolling Stones, and actually I got a call, during the time when I was starting my “Seventh Label”, to go do that gig, and I had to decline, but I would have loved playing with Rolling Stones, ‘cause that’s really my area, that’s the kind of music that I feel I play the best.

 

Marco: You know, I’ve always had the impression that you’re a “weird” saxophone guy, really Rock oriented, and not that much into Jazz playing. You like rocking out on stage...

 

Scott: I’m definitely about Rock n’Roll, I mean... years ago, when I was studying my saxophone and stuff, I had a friend of mine calling me up at midnight, he was working in Vegas with Allman Brothers, and he said “Hey Scott you should buy this record by David Sanborn”. So i drove over Tower Records, which is opened all day long, and I picked up the record. During that period of time I was into alto, and never really played tenor. I brought that record home, I put it on, I heard it, and I really said “I’m not gonna play alto again!” I started playing my tenor, and I realized that I had to go far away from David Sanborn, and stay away from Jazz, because... you know, there are hundreds of saxophone players who play Jazz. The Rock n’ Roll guys... you can count ‘em in one hand! You got Junior Walker, you got maybe Bobby Keys from the Stones, you got “what’s his name” from Bruce Springsteen... so I decided, from a business point of view, that it was smart for me to go out in that path and focus all my attention on really trying to learn how to play Rock n’ Roll... when everybody else was goin “pa da pa pa da pa pa da pa pa” (Scott sings a Jazz melody), I was going “PA RA PA PA PA RA PA PA RA PA” (He now screams in my ear a Rock n’ Roll theme!)

 

Marco: A smart move.

 

Scott: Yeah, trying in get in that music scene... I grew my hair because I only noticed people with long hair moving around from the back of the stadiums and I said “I have to do that so I can get people’s attention!” ahahaha...

 

Marco: You still have the same haircut.

 

Scott: I still have the same haircut, can’t believe it! 55 years old and I still have the same stupid hair cut, ahahah! So I just really focused on the Rock n’Roll side, just trying to learn how to have a brilliant tone down my playing, because the thing about Rock n’ Roll is all about the feel and that whole thing... so that’s why I went in that direction.

 

Marco: What about touring with Toto? What are your memories about playing with them?

 

Scott: First of all, Jeff Porcaro was my guru... there’s no question. When I played in “Rural Still Life”, along with Jeff and Paich, very famous musicians, very early young in life, and I was the oldest guy, sitting in the back... I was the worst of all those guys! So Jeff was always in the back of my mind to one, two... I practiced, because I wanted to give to the point of the day that I can start playing again with Jeff and the guys, and get kind of respect of those guys! And so, when I got the call to play with Toto, that was probably one of the most big turning point of my life, because it basically meant that I got to a point where they would call me to gig. So, that was an incredible, incredible time, and one of the things that is so great about that, I always tell this story... first of all, I loved metronome and I got one of the early drum machine... I was a big fanatic about time, groove and I would practice always with those devices, and really trying to get in my playing a very good timing. And when I got to play with Toto, I’ll never forget the day that I went to rehearsal and they handed me the cowbell... I was so scared, I was sweating, because Jeff Porcaro had such a beatiful time. So I got so nervous about the whole thing... after we played a couple of tunes, Jeff came and put his arm around me saying “Yeah Page!”... so I was so happy. People ask me “What is the best thing about Toto?” and believe it or not, my answer is “I got to play cowbell on four songs!” And I stood right next to Jeff, that was my place, I looked him directly in the eyes, and played cowbell on two and four, on those four tunes... and, for somebody who used to practice every day with a metronome, be able to play cowbell with Jeff Porcaro was pretty awesome. That was my favorite thing, but overall it was great... we did a world tour, when we were in the United States,  we traveled on two busses, and there was the A bus and the B bus... the B bus was the bus that I was on, along with Jeff Porcaro and Lenny Castro. And... we had a blast, I was goin’ to groove school every night. We basically listened to three records all of the time, one was Marvin Gaye’s “Greatest Hits”, the other one was a Jimi Hendrix compilation, and the third one was a Steely Dan record. And we listened to those albums over and over and over for about five months on the road... it was great, because we picked different parts every day, we talked about those songs, we talked about all the pieces, and getting some insights from Jeff and Lenny was very exciting stuff. It was really, really a fun time, it was actually one of my highlights to play with those guys. Actually, having the monicker that I played with them in tour was very helpful for my music career!

 

Marco: Do you have any funny memories about touring with Toto that you’d like to share with us?

 

Scott: mmm oh, yeah sure!

 

Marco: I know Luke is always joking around. You’re probably going to talk about him...

 

Scott: Luke, yeah... I mean, first of all, one of the things about Toto is that, yes, Lukather is always joking around! He loves pranks. He loves to do things to people, in a fun way, obviously never to hurt anybody. You know, I always tell this story that we were in Japan, 2 o’clock in the morning, I was on the phone with my wife, actually sitting with my underwear, getting ready to go sleep, right? And someone knocked at the door, I went looking through the door, and I see Jeff shouting “Hey Scott, Scott! Lukather!” So I flut the door “What’s up?!” They grabbed me, they pulled my underwear, my clothes off, completely, and then they threw all my clothes inside my door, and they shout the door, and I was staring outside naked, 2 o’clock in the morning, in Japan...

 

Marco: ahahah, I bet you were freezing!

 

Scott: Yeah, I was freezing out there! Ahahaha. That’s one of those classic stories... there was another one, which was killer, I think I’ve never told this in an interview before... this one happened to Fergie Frederiksen. One day Luke said “mmm we gotta play a prank on Fergie”. You know, everyday, in the backstage, prior to the show, promoters put some food... one day we had shrimps.

Lukather put some shrimp scales into Fergie’s hairdryer, and screwed them up. After a few days, Fergie couldn’t figure out why his suitcase smelled so bad! Needless to say that was one of Lukather’s most famous ones... there are so many, he just constantly would be doing things so... the key was you NEVER, NEVER, NEVER try to get even with Lukather. The next day I stared naked in Japan and all that stuff, I came back and said “I can’t believe you did that guys, that was really funny ah ah ah”. Fergie tried to get even.

 

Marco: You can’t do a joke to Luke... he always wins, I guess!

 

Scott: Yeah, you never win against Lukather! Fergie finally surrended, after a handful of times. Yeah, that was a funny gig, pretty funny time. You can’t get even with Luke, but you’d better watch out, ‘cause he can come back with another one, ahahaha.

 

Marco: Well, at least you had fun...

 

Scott: Oh yeah, I mean... the first time I was going to rehearsal, Lukather drove a Ferrari at the time, he drove up with his Ferrari... one day I said “Geez, I have never driven in one of those!” He controlled down the window, with his big grin said “Get in...” So, I got in in that car... I’m telling ya, he took me on a ride that... ahahahah, that was so scary, and so fast... he was screaming down the streets, I’m going “Lukather, what are you doing??” He was laughing “AH AH AH AH” After that, I couldn’t believe I was alive.

 

Marco: So what your plans for this year?

 

Scott: My main thing is clearly working out the “Mashcast”... we’re really working hard right now to get all the software and stuff finished, so that’s my main thing right now, is really focusing on the company. We’ve been building this software now for almost four years, so is about time to start coming out. It’s a fun time. As far as playing, I’m trying to play more... I really realized how important music is for me, I played for so many years, from 1973 everyday... I was on tour every year from 1977 to 1990. So now I’m actually practicing my guitar a lot lately, it is such a great instrument, I’m working on that some, and you know, playing my horn... eventually, in another year or so, I’ve got an album that I’ve been starting to put together...

 

Marco: A solo record?

 

Scott: It will be a solo record, yeah. Then I’m planning to work on my documentary, my Pink Floyd documentary... so I’ll keep myself busy!

 

Marco: Great. I really want to thank you very much for being so appreciative about this interview. I have one more request...

 

Scott: Sure.

 

Marco: Could you please say “Hi!” to all the readers of GGM Studios, the Italian Toto Fanclub?

 

Scott: GGM?

 

Marco: Yeah!

 

Scott: We love GGM! Yeaahh GGM Studios! I’m very thankful, I think the greatest thing of the Toto Network is the community that has been built... I really want to thank very very very much all the writing folks at GGM Studios for helping us out, hopefully we’re going to be able to get ourselves more together as the community is growin’ up and try whatever we can to help everybody out. Thank you very much everybody!

Copyright Marco Machera by ggmstudios

*************************************************

Versione Italiana

Scott Page è un uomo dalle mille risorse. Da sassofonista ultra-richiesto nell’ambito del rock mondiale (dai Pink Floyd ai Supertramp, fino agli stessi Toto, giusto per citare qualche nome), a stimato leader di una società di produzioni multimediali e informatiche. Page, assieme alla sua NewMBC, è infatti l’artefice del  rivoluzionario progetto “Toto Network”. Ma scommetto che in molti lo ricordano per le sue trascinanti performance al fianco di alcune stelle del firmamento musicale, accompagnato da una stravagante capigliatura e dal suo famoso sax tenore argentato. Signore e signori, Mr. Scott Page.

Marco: Ciao Scott!

Scott: Ciao, come stai amico?

Marco: Tutto bene, e tu?

Scott: Benissimo, grazie... voglio ringraziarti per essere stato così paziente, sono stati mesi piuttosto intensi, c'è molto da fare per il Network...

Marco: Figurati... piuttosto vorrei ringraziare te e tutta la NewMBC per il duro lavoro svolto finora... adoro visitare il Network.

Scott: Grazie anche a te per averci aiutato a farlo crescere! (nda: ok, permettetemi di pavoneggiarmi un pochino, ho fatto parte del ristretto Beta Test Group del Network fin dal primo giorno in cui è stato messo on-line, ahahahah).

Marco: Sei pronto per iniziare l'intervista?

Scott: Certo, cominciamo pure!

Marco: Ok... quando hai cominciato ad interessarti allo sviluppo di progetti multimediali?

Scott: Mmm... nel 1990 ho prodotto il mio primo CD-Rom per una compagnia americana, e si trattava essenzialmente di musica per computer e brevi composizioni da sottofondo per presentazioni multimediali. Ho chiamato alcuni amici di Los Angeles per quel progetto ed è stata la prima All-Star Band a lavorare ad un qualcosa di simile. Anche Jeff Beck aveva partecipato, e qualche tempo dopo ci siamo trovati a fare delle dimostrazioni in giro per vari "computer show", tra cui il "Come Back" a Las Vegas, e ricordo che me ne stavo seduto su una sedia del mio stand quando ho visto qualcosa che mi ha attratto su uno dei numerosi monitor della sala, mi ci sono avvicinato e ho praticamente visto il mio futuro.

Marco: wow.

Scott: Si trattava di un progetto chiamato "Grandma" destinato ai bambini, una sorta di favola interattiva. Era uno dei primi esperimenti multimediali in quel campo. Quando lo vidi, decisi di cambiare completamente rotta. In quel periodo stavo suonando con i Pink Floyd, e tra una pausa e l'altra del tour, ho cominciato a "bazzicare" tra gli ambienti della programmazione informatica e a trovare una strada in quella direzione, fondando una mia società, la "Seventh Label", che si occupava di videogiochi educativi. Ho quindi lasciato i Pink Floyd per concentrarmi a tempo pieno su questo progetto, e ora, dopo la parentesi "Seventh Label", abbiamo fondato questa nuova società di multimedia broadcasting (NewMBC), della quale i Toto sono stati i primi "utenti", così come voi fans.

Marco: A proposito del Toto Network... qual'è l'idea, lo scopo principale di questo progetto? Perchè suggeriresti ai fans di iscriversi?

Scott: Diciamo che vogliamo creare un sistema in cui sussista un contatto diretto tra i componenti stessi della band, del fan con la band, della band con il fan, e del fan con gli altri fans (seguono un pò di risate perchè in inglese sembrava una specie di sciogli-lingua! nda). La gente che viene sul Network può veramente stabilire un contatto con l'artista...

Marco: Ho notato...

Scott: Quello che hai visto finora Marco, è soltanto un inizio. Probabilmente sei a conoscenza del "MashCaster", un software a cui stiamo lavorando attualmente, una specie di "desktop client", che potrai scaricare sul computer, direttamente collegato al Network, nel quale avrai la possibilità di vivere in tempo reale tutte le possibilità di broadcasting messe a disposizione dal sito, si tratterà di una vera community interattiva... è piuttosto difficile da spiegare a parole, ma questa funzione porterà l'interazione tra la band ed il fan, ed il fan con i fans, il fan con la band (altre risate, nda) ad un nuovo livello, direi unico al momento. Quello che vogliamo fare, nei prossimi mesi, è costruire una community e creare dei "canali" sul Network... si potrà accedere al sito di quello che noi chiamiamo "MashCast", e scaricare il Toto Network sul proprio computer... altri musicisti si uniranno a questa avventura, è un nuovo modo di muoversi nel business musicale e di arrivare direttamente al proprio pubblico... chiunque abbia una sua attività, sia essa musicale, multimediale, legata alla produzione di video ecc potrà considerare l'opportunità di servirsi di un proprio Network...

Marco: Potrei creare un mio Network dedicato alla mia musica?

Scott: Oh si, un "Marco Network" (risate, nda). Se hai una band, un buon seguito e suoni in giro a sufficienza da poter portare sul Network un certo numero di utenti, offrendo loro dei contenuti interessanti, potresti farlo crescere senza problemi.

Marco: ahahah, magari per ora è un pò presto...

Scott: E' essenzialmente un progetto destinato a chi vuole muoversi professionalmente in questo ambiente, soprattutto i musicisti al giorno d'oggi necessitano una certa indipendenza, hanno bisogno di occuparsi in prima persona del loro business, le regole del mercato stanno cambiando completamente... quindi l'artista si fa carico anche di questo aspetto.

Marco: Mi trovi completamente d'accordo. E lo Scott Page musicista? Vai ancora in tour con altri gruppi?

Scott: Non faccio più lunghi tour, sono molto impegnato con questa mia nuova occupazione... ma spesso faccio delle recording session per vari artisti, ho lavorato con i Kiss e con i Jane's Addiction qualche tempo fa, l'anno scorso ho suonato sull'ultimo album di David Lee Roth. Insomma, alterno qualche lavoro in studio a delle date live qui in zona. Ho una band che si chiama "Hang Dynasty", assieme a componenti dei Tower Of Power e della band di Jeff Beck... facciamo un pò di concerti ogni anno, principalmente per divertirci o magari per partecipare a qualche evento di beneficenza.

Marco: Quali sono stati i tuoi primi passi nel mondo della musica come sassofonista?

Scott: Beh, è una storia piuttosto interessante... si ricollega ai ragazzi dei Toto, quando non erano ancora Toto. Avevo una band con Jeff Porcaro, chiamata "Mercyful Soul Band"... io ero diciottene, Jeff aveva 14 anni. A quel tempo stavo studiando per diventare un architetto, e non avevo preso la musica sul serio... suonavo la tromba, più che altro per divertimento, ma col passare del tempo mi accorsi che suonare era veramente uno sballo, soprattutto perchè un sacco di ragazze ti ronzavano attorno ahahaha. Dopo un pò è arrivato David Paich e abbiamo formato i Rural Still Life, sempre con Jeff alla batteria... in quei giorni ho deciso di dedicarmi a tempo pieno alla musica e mi sono messo a studiare la tromba al college, per poi passare al sassofono un paio di anni dopo, quando un gentleman di nome Stan Werk mi ha introdotto a questo strumento e mi ha guidato nel mondo della musica... suonavamo in un club in Canada e lui faceva molti show televisivi, mi ha veramente aiutato molto... dal 1977 ho iniziato a collaborare con molti artisti noti, tra cui Diana Ross, Duran Duran, Supertramp... i Pink Floyd...

Marco: Una storia molto interessante!

Scott: Lo è! Poi sono un appassionato di tecnologia da sempre... il mio scopo nella vita è di portare avanti tre carriere diverse... a volte potrei avere voglia di suonare il sassofono, altre volte di immergermi nel mio business informatico, ora mi sto dedicando alla creazione di documentari... il primo sarà dedicato ai Pink Floyd, perchè dispongo di alcune centinaia di ore di filmati fatti durante il tour del 1988, e spero di poterlo pubblicare presto.

Marco: Ho una vecchia VHS dello storico concerto dei Pink Floyd a Venezia... mio padre registrò il concerto in diretta TV...

Scott: Si, ho un sacco di filmati riguardanti quel concerto... siamo stati li per circa quattro o cinque giorni, ho filmato tutta la preparazione del palco e del concerto... è stato uno show incredibile! Il palco montato sull'acqua...

Marco: Sei ancora in contatto con David Gilmour?

Scott: Ho visto Dave un mese e mezzo fa, quando stava suonando a Los Angeles, all’Universal Amphitheatre con la sua band… è uscito il suo nuovo disco solista. E’ stato bellissimo incontrarlo dopo lo show, ho imparato moltissimo da lui… sono un grande fan di Gilmour…

Marco: Anche io!

Scott: Oh, è il mio eroe. E’ il signore della melodia. Quando stavo con i Floyd, suonavo la chitarra ritmica su “Comfortably Numb”… ricordo i brividi che mi salivano per la schiena quando alla fine della canzone Dave si lanciava nel lungo assolo finale. La cosa magnifica di Dave è il suono che ha, non importa quanto sia alto di volume, non darà mai fastidio alle tue orecchie. Ha un tono bellissimo. Cominciai a studiare il suo modo di suonare, sera dopo sera… ti sorprendeva sempre per come sceglieva le note, e non per quante ne suonava. E’ veramente il numero uno nel suonare melodie memorabili. Per il resto, dovrei rivedere anche Nick Mason presto… è in tour con Roger Waters, passerà di qui nei prossimi mesi. Insomma, i nostri rapporti non si sono mai chiusi. Ci risentiamo ogni tanto, non così spesso, ma ogni tanto succede.

Marco: Prima leggevo che il solo di Gilmour su “Comfortably Numb” è stato votato in Gran Bretagna come il miglior assolo di chitarra di tutti i tempi… giustamente, aggiungerei…

Scott: Oh wow… anni fa stavo lavorando ad un disco sul quale volevo suonare l’assolo di “Comfortably Numb” con il mio sax… non l’ho più fatto, ma sarebbe grande. Al concerto di Venezia… mmm, no, forse non era li, comunque una sera Dave suonò quell’assolo alla fine della canzone… andò avanti per cinque minuti, con una tale passione… è stato il più bell’assolo che io abbia mai ascoltato in vita mia, è stato semplicemente INCREDIBILE. Così melodico, così musicale… forse prima o poi suonerò quell’assolo con il sax su un nuovo disco, esattamente come lui lo suonò quella sera…

Marco: Una domanda un pò difficile... hai suonato con così tanti grandi nomi della musica durante la tua carriera... c'è qualcuno con cui non hai mai suonato, e con cui ti piacerebbe collaborare?

Scott: mmm... wow, fammici pensare... così tanti musicisti fantastici... mi sarebbe piaciuto moltissimo suonare con Junior Walker. E' un sassofonista, il mio eroe di sempre... suona il sax con un vero feeling rock... sarei onorato di stare sul suo stesso palco e suonare qualche pezzo insieme alla band. Anche con Nat King Cole... oppure con i Rolling Stones... mi chiamarono per suonare in un tour con loro, proprio nel momento in cui stavo fondando la società "Seventh Label"... ho declinato l'offerta, ma sarebbe stato fantastico suonarci assieme. Fanno il genere che più mi piace, puro Rock n' Roll.

Marco: Ecco, ho sempre avuto l'impressione che tu fossi un sassofonista particolare... molto Rock e poco Jazz. Sul palco sfoderi una grinta fuori dal comune...

Scott: Oh si, sono assolutamente un musicista Rock. Molto tempo fa, quando studiavo il sax, un amico mi chiamò a mezzanotte... stava lavorando a Las Vegas con gli Allman Brothers, e mi disse "Vai al primo Tower Records Store che trovi (una catena di negozi di dischi americana aperta 24 ore su 24, nda) e prendi questo disco di David Sanborn...". In quel periodo suonavo il sax alto, non avevo mai provato il tenore... trovai quel disco, lo portai a casa e lo ascoltai subito. Mi innamorai del sax tenore ascoltando quell'album, e pensai "non suonerò mai più in vita mia il sax alto!". Iniziai a suonare il tenore, e mi resi conto che dovevo cercare una mia personalità, differente da quella di David Sanborn e dei sassofonisti Jazz in generale. Sai, ci sono un sacco di sassofonisti che fanno Jazz... è un elenco lunghissimo. Nel Rock... beh, puoi contarli sulle dita di una mano! Junior Walker, forse Bobby Keys degli Stones, quello di cui non ricordo il nome che suona con Bruce Springsteen... muovermi in questa direzione è stata una mossa abile. Mi sono buttato anima e corpo nel suonare il sax in contesti Rock n' Roll! Quando tutti quanti facevano "pa ra pa pa ra pa pa... (canticchia con la voce un motivetto jazzato, nda)", io facevo "PA RA PA PAAAA PAA PA RAAA PAAAA (stavolta urla un vero giro Rock n'Roll!, nda)"

Marco: Una scelta quantomeno intelligente!

Scott: Si, poi mi sono fatto crescere i capelli... mi ero accorto che guardando una Rock band dall'ultima fila in un grande stadio potevi notare i loro capelli lunghi muoversi all'impazzata, per cui l'ho fatto anche io, sperando di attirare un pò d'attenzione, ahahahah!

Marco: E hai ancora lo stesso taglio di capelli.

Scott: Ho ancora lo stesso taglio di capelli, non posso crederci... non posso crederci... 55 anni e ho ancora lo stesso stupido taglio di capelli! (risate, nda) Comunque, mi sono concentrato sul Rock, ho sempre cercato di avere un tono brillante nel suonare... il Rock è pieno di feeling ed è dinamico.. è per questo che mi sono mosso in quella direzione.

Marco: Cosa puoi raccontarci del tour che hai fatto assieme ai Toto, ai tempi di "Isolation"?

Scott: Beh, prima di tutto... Jeff Porcaro è stato il mio guru. Fin dalle prime esperienze con i Rural Still Life, lui e Paich erano così giovani e talentuosi, io ero sicuramente quello meno valido nel gruppo! Jeff mi ha praticamente spinto a migliorarmi ogni giorno di più, perchè volevo arrivare al punto di poter suonare con loro, guadagnandomi anche un pò di rispetto! Quando ho ricevuto la chiamata per fare il tour con i Toto, ho subito pensato che quello sarebbe stato un momento di svolta per me e per la mia carriera... una soddisfazione doppia, perchè mi avevano chiamato loro e ciò voleva dire che ero riuscito nell'intento di migliorarmi al punto di poterci suonare dal vivo. E' stata un'esperienza incredibile... racconto sempre un aneddoto... innanzitutto, io ero un grande patito di drum machines, mi piaceva creare dei groove e esercitarmi con  quegli strumenti dal "timing" perfetto. Non scorderò mai il giorno in cui, durante le prove per il tour dei Toto, mi affidarono qualche percussione da suonare su alcuni brani... ero così spaventato, sudavo freddo... perchè è risaputo che Jeff Porcaro aveva la capacità di spaccare il metronomo, aveva un timing fuori dal comune. Lui mi tranquillizzò e mi mise a mio agio. Ne erò così felice ed orgoglioso, che ogni qual volta qualcuno mi chiede "Qual'è il tuo miglior ricordo del tour con i Toto?" io rispondo, vogliate crederci o meno, che è stato suonare le percussioni su quattro loro canzoni! La mia posizione sul palco era molto ravvicinata a quella di Jeff, per cui potevo guardarlo direttamente negli occhi quando suonavamo... è stato molto formativo. Per il resto, abbiamo fatto un tour mondiale fantastico... quando suonavamo negli USA, avevamo due tour bus, A e B... io, Jeff Porcaro, Lenny Castro viaggiavamo sul B. Era come andare alla "scuola del groove" ogni notte, e ascoltavamo a rotazione tre dischi, uno era il "Greatest Hits" di Marvin Gaye, l'altro una compilation di Jimi Hendrix, e il terzo un disco degli Steely Dan. Li ascoltammo di continuo per circa 5 mesi in tour... era fantastico perchè ogni volta discutevamo di un certo passaggio di una canzone, ogni volta diverso, e ascoltare le opinioni di Jeff e Lenny era illuminante. E' stato davvero un periodo felice, senza dubbio, uno dei picchi della mia carriera. Il fatto di aver suonato con i Toto è stato determinante per la mia reputazione musicale...

Marco: Hai qualche aneddoto divertente della vita "on the road" con i Toto da raccontarci?

Scott: mmm oh certo!

Marco: Luke è famoso per i suoi continui scherzi... immagino che mi parlerai di lui...

Scott: Luke, si... beh, una cosa è certa, Lukather fa scherzi di continuo! ahahah, ama fare scherzi agli altri... ovviamente in modo simpatico, niente che possa essere offensivo. Una volta eravamo in Giappone, alle 2 di notte mi trovavo al telefono con mia moglie... a un certo punto bussarono alla porta, aprii un pochino e vidi Jeff che urlava "Hey Scott, Scott! Lukather!" Spalancai la porta e dissi "Che diavolo succede?!"... e a quel punto mi acciuffarono e mi tolsero tutti i vestiti che avevo addosso, mutande comprese, e li buttarono dentro la mia stanza, per poi chiudere la porta... lasciandomi li per strada nudo, alle 2 di notte in Giappone...

Marco: E scommetto che faceva anche un freddo cane!

Scott: Si gelava, ahahah! Ne ho un'altra che non credo di aver mai raccontato in un'intervista. La vittima questa volta era Fergie Frederiksen. Un bel giorno Luke ha detto "mmm, ok, dobbiamo fare uno scherzo a Fergie". Ogni giorno, prima dello show, i promoters portavano qualcosa da mangiare nel backstage. Una volta ci portarono dei gamberetti. Lukather prese qualche buccia di gamberetto e le infilò nel phon di Fergie, agitandolo. Qualche giorno dopo, faceva molto caldo, e Fergie non riusciva a capire perchè la sua valigia puzzasse così tanto... il phon era li dentro, pieno di bucce di gamberetto ahahahah... insomma, Lukather faceva costantemente scherzi… il trucco era quello di non rispondere MAI, MAI e dico MAI ai suoi scherzi. Il giorno dopo l’episodio della mia “passeggiata nudista” per le strade del Giappone, semplicemente andai dai ragazzi dicendo “Non riesco a credere che abbiate fatto una cosa del genere, è stato così divertente! Wow!” Tutti ci ridevamo sopra, era quasi una regola. Fergie molte volte non stava al gioco e cercava di rifare lo scherzo a Luke…

Marco: Non puoi fare uno scherzo a Lukather… vince sempre!

Scott: Esatto, non l’avrai mai vinta con Lukather! Alla fine Fergie si arrese. Sono stati momenti veramente forti. Non puoi rispondere agli scherzi di Luke, ma devi comunque stare attento, perché potrebbe fartene un altro quando meno te lo aspetti, ahahaha.

Marco: Beh, ti sei divertito almeno…

Scott: Oh si, voglio dire… la prima volta che mi sono presentato alle prove dei Toto, ho visto Lukather arrivare con una Ferrari… a quel tempo aveva una Ferrari. Un giorno gli dissi “Cavolo, non sono mai salito su uno di quei bolidi!” Abbassò il finestrino, e con un sorriso diabolico disse “Sali…” Quindi, salii su quella macchina… (comincia già a ridere, nda) ti giuro, fu un giro da infarto, andava velocissimo e continuava a gridare e a ridere… io urlavo “Lukather ma che diavolo ti prende??” e lui rideva a squarciagola “AH AH AH AH”. Quando finalmente saltai giù dalla Ferrari non potevo credere di essere ancora vivo.

Marco: Quali saranno i tuoi impegni per quest’anno?

Scott: Al momento stiamo veramente lavorando sodo per il “Mashcast” del Network… il mio impegno principale attualmente è questa società informatica. Cercheremo di coinvolgere altri gruppi in questo progetto, nei prossimi quattro o cinque mesi. Sono concentratissimo su questo progetto, vi abbiamo lavorato sopra per quattro anni, ora è arrivato il momento di muoverci un po’ e di entrare nel mercato. Per quanto riguarda la musica, sto cercando di suonare un po’ di più ultimamente… ho realizzato quanto la musica sia importante per me nella vita, sono stato un professionista per così tanti anni, ho cominciato nel 1973… sono stato in tour ogni anno dal 1977 al 1990. Ora credo che comincerò a suonare di più… recentemente ho ripreso la chitarra in mano, è uno strumento bellissimo, capitava che mi chiedessero di suonarla in qualche tour, oltre al sax… per il prossimo anno vorrei pubblicare un nuovo disco…

Marco: Un disco solista?

Scott: Si, un solo album. Poi c’è il progetto riguardante i miei documentari musicali, tra cui quello dedicato ai Pink Floyd… insomma, mi terrò occupato!

Marco: Benissimo! Ti ringrazio molto Scott, è stato un onore intervistarti. Ho un’ultima richiesta da farti…

Scott: Certo.

Marco: Un saluto speciale ai lettori del GGM Studios!

Scott: GGM?

Marco: Si!

Scott: Amiamo il GGM! Yeaahh GGM Studios! (canticchia la frase, nda) Voglio veramente ringraziarvi tutti, credo che la cosa migliore dell’esperienza Toto Network sia la community che si è venuta a creare, molto spesso vedo i post dei membri del GGM Studios… grazie veramente tanto per la vostra partecipazione ed il prezioso aiuto, con il tempo la community si consoliderà ancora di più. Grazie di cuore a tutti!

Copyright Marco Machera by ggmstudios

Interview to Scott Page

by Marco Machera

 

Mp3 Player

Visit Counter

mod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_counter