Login



Don't you have an account? Register to join the fanclub and GGM newsletter, it's free! Non hai ancora un account? Registrati per unirti al fanclub e alla GGM newsletter, è gratis!

Designed by:
SiteGround web hosting Joomla Templates
Fergie Frederiksen INTERVIEW PDF Stampa E-mail
Scritto da Administrator   
Giovedì 04 Giugno 2009 20:53

Fergie Frederiksen
interview...


Hello Fergie, first of all thanks for taking the time out to answer some questions!

GGM: We know you are actually putting the final touches to a new cd. The long awaited Frederiksen-Denander Project will be released through Frontiers Records. Can you tell us something more about the style of the album?

Fergie: First of all I would like to thank everyone at Frontiers Records for supporting me through my battle with Hep C. Needless to say we would have had this CD done a lot sooner but I had to go through the treatment for this disease. And everyone in Frontiers supported me in my time of need and which means so much to me. Thank you from the bottom of my heart. The good news is I'm free of the virus and feeling almost one hundred percent again.

This CD is some of the best songs I've ever done. Asking me to place it in a style is difficult. But if I were to do so I would have to say it's Classic Fergie and Tommy at our best.

Songs like Baptism By Fire and Crossing Over have very meaning full lyrics that express the loss of my parents and the loss of Tommy's Father. Ricky Phillips and Jim Peterik were very inspirational in both songs. They felt and our loss as friends and really helped put the heart felt lyrics in place.

You will find straight ahead rock songs, melodic melodies as well as tasteful instrumental nuances that are the signature of Tommy throughout the CD.

It's been a long time and we're very excited to release this CD.

 

GGM: In a recent interview I did to Tommy Denander he had very kind words about you: “I'I've always loved Fergie’s voice since Isolation and often I write songs where I hear him singing them”. That’s a very lovely compliment, how do you feel about it?

 

Fergie: Tommy and I have been friends for a long time now. He is one of the best guitar players, song writers and producers I've ever met and am proud to work with him again.

I think TD knows me better than I know myself sometimes. That's the sign of a great producer.

He says he hears my vocals when he writes, he truly does. We communicate so well together. It's fun and exciting the whole time we're writing and recording.

Tommy is a great musician and better friend.

 

GGM: You have worked with some fabulous bands, we all remember your presence as vocalist withToto, Trillion and LeRoux! I think that “So fired up” is one of the best album you’ve done in your career. How you got involved with LeRoux and do you think that a final reunion could be possible in the future?

Fergie: LeRoux is a very fond memory. I still keep in touch with the guys from time to time. As far as a reunion, I'd love to do it.

Songs like, LIFELINE, CARRIES GONE AND TURNING POINT are definitely some of my best vocals I've ever done. I don't know if I'd want to sing those in the original key night after night but I'd sure like to do a show and give it a go!!!!

The time we spent together was some of the most fun times of my life.

GGM: It seems that you prefer working with other artists than doing solo records: can you tell us why? Could you elaborate on this and tell us what you think the benefits of collaboration are?

 

Fergie: I think the reason I like collaborating so much is it gives me and the people I'm working with the time to reconnect. It's a great way to re visit your past and create the present. Besides it's has to be fun if your going to do it. Might as well make the most of it with a close friend.

On a different note.

I know the next CD I do will be a solo one. It's time to do it for myself. It's like a calling I need to answer.

I promise you will know many of the musicians and co-writers when it comes out.

 

GGM: That’s a pretty obvious question but since this is my first interview to you I’ll give it a try. You probably know that Toto are going to do a special tour in 2008 to celebrate their 30th Anniversary. If they should contact you to make some guest appareances would you consider the offer?

Fergie: Yes of course. All I need is an invitation and I'm there.

GGM: In 2002 you shared your talent with Joe Vana on Lead Vocals for the first Mecca record. That’s become one of the AOR-Melodic Rock’s favourite album ever. Did you have at the time of recording the sensation that you were creating such an appreciated collection of songs?

 

Fergie: I don't think you ever really know until it's been released and appreciated. There we're songs on the Mecca CD that I thought were great but you don't know until the CD is out and been excepted or not by the public. One thing is for sure. When you have a great producer like Jim Peterik and an engineer like Larry Millas, you can expect good things. I'm just happy to have been a part of the project.

 

 

GGM: You are also trying to use music for benefic aims. You are very active on a project called Fergie’s Rock (http://www.fergiesrock.org/index.html), an event that take place once a year since 2005. It’s born to raise awareness and money to fight Hepatitis C, the most common chronic blood-borne infection in the United States, . What you are doing with the help of many musicians (Alex Ligertwood, Jimi Jamison, Pat Travers, John Cafferty, Michael “Tunes” Antunes, Sib Hashian, Barry Goudreau, Jim Peterik, Randall Hall, G.B. Leighton and Pamela McNeill) is very noble. How was the response of the people to this event and will you keep doing it?

Fergie: Fergie's Rock began as a benefit concert for me. I had tried the treatment for Hep C a couple of years prior to 2005 and was unable to finish it because of the side effects. I couldn't sing and the thought of being on stage in front of large audiences was something I couldn't image. I didn't think I could work while on the treatment. The treatment is very similar to cancer treatment and it effects your body and mind in many funky ways.

After everyone that I asked to perform said YES, I made my decision. I realized that with so many of my friends willing to help me I could do something to help others. With a great support group of friends and family I could make it and still work. I decided to not use any of the dollars for myself but use the money for the awareness of Hep C and for research. It wasn't easy but I worked all the way through the treatment, which I thought was impossible, and my friends gave me the backing and support I needed. My faith also had much to do with being able to get through the treatment and still perform.

My girlfriend, Tris Klohn is the one I give most the credit to. She stood by me, nurtured me and helped make the event what it is today. Without her and our friends, the event wouldn't be what it is today. We did another one in 06 and have plans again for 07 as part of the American Liver Foundation.

Tris is now working for the ALF in Minnesota.  We have given over 50,000 dollars to research but more importantly have raised awareness for Hep C in Minnesota and surrounding areas. That's how we save life's. If you don't know your at risk and have the disease you may find out too late. Unfortunately that is the case for many people. Please check out the web page at----ferigesrock.org

2007 is going to be another great year for Hep C awareness.

If you would like to be a part of our mission, you can get in touch with us on the web page.

Everyone who attended the concert said it was the best concert they have ever seen. So many great musicians all performing together for one cause. It's going to get even better.

Thanks for asking.

GGM: Back to the music, what are your feelings on the industry today as far as the problems an artist has to face to get their music out?

 

Fergie: The business today is much different from 20 years ago. For young bands the budgets for recording is not what it used to be for many reasons. Among them is the fact that digital recording is much quicker and more eefficient than in the days of tape recordings. Is that good or bad, depends on how you look at it. Some things are still better on tape than by using digital. Like drums, crunch guitars and in many cases bass. Other things like vocals and keyboards I think, with the help of tube amps and pre amps, you can get as good of a sound as with tape and it sure cuts down on the rewind time for takes. What I'm trying to say is it's a whole different world and it doesn't cost as much for studio time because of technology.

Therefore the new bands of today have learned to embrace the technology of today

There are many new ways of pasting songs together now whereas before most songs were done over and over until you had the right take. Today good producers and engineers can paint a song and copy and paste nuances to form a song rather than play it all the way through. Auto tune and all that stuff can save a vocalist from having to do it until it's perfect. Cool stuff but not the old school.

I was fortunate to sing for Toto where first takes was the norm. Luke, Jeff and David especially were one take wonders. That's why they were so sought after for recording sessions.

I know for artists like myself who are still recording, and thank God people still want to hear our songs, it's quite a bit different. Again the big budgets are a thing of the past but at least we can get our songs out to those who really care and want to listen.

Thank you Frontiers.

 

GGM: Do you think that anyone of your boys will follow dad’s footsteps? Have they some intersts in making music, some talent that they want to develop in a professional way?

Fergie: My son Koty, 16, is quite a guitar player and drummer. He started on guitar and when the band needed a drummer he moved to drums. He's in an original band, writing and recording new songs all the time now. He shows promise and a great heart for music. Soon I'm going to take them into the studio and get some better recordings for him and work with his band more.

He sure looks the part. Man now I know what my Mom and Dad were thinking when I had long hair and wanted to play music all the time. They say the acorn doesn't fall far from the tree. They were right.

Kyler, 17, has a passion we share. Fast cars. We are having a hot rod El Camino done and will get it in April after over a year of being built.

385 horse power and a paint job, stereo and extras to die for.

Ya gotta keep them close at all times.

I'll have a picture up on my web page when it's done.

We expect it to turn the mid 12's at the dragstrip.

Fun stuff.

GGM: Outside of business, what do you enjoy doing in your free time? We know that you are a truly golf fanatic…

 

Fergie: Besides the car thing, golf is truly my sport of choice. I have been working on my game for many years and truly love the sport.

I have been lucky enough to play some of the best courses in the world and feel very lucky to claim that.

My father got me started and the best memories I have of him are when we were golfing. Kyler also loves golf and Koty is starting to show interest. I hope we can build memories that they will cherish like I do of my father.

Any one wanna go hit em?

 

GGM: What has been the highlight(s) and lowpoints(s) of your career to date?

 

Fergie: The highlight of my career was with Toto. I learned so much and had such a good time playing with the worlds best I feel very lucky to have done that. I also have fond memories of LeRoux. A great bunch of guys and great musicians.

The low point was when I had to face the disease that could have ended my life. Thank God for good friends and loved ones who supported me in my time of need. To all those who are faced with this disease, there is hope and treatment. If you feel your at risk, get checked and learn your options. The future looks brighter and brighter for all of us.

 

GGM: On a closing note, do you have anything to say to your italian fans at GGMSTUDIOS?

 

Fergie: I would like to thank you from the bottom of my heart for listening and giving me a chance to reach your hearts and ears. All of us who are performing Melodic Rock appreciate, more than you know, your support. I only wish that one day soon I'll be able to visit Italy again. It's a wonderful country and some of the kindest and artistic people on this planet.

God bless you and keep you and yours safe and healthy.

Keep rockin and thank you for this opportunity to talk with you.

 

 

Thank you so much for your time Fergie and I hope all goes well for you, your family and career.

Alessio Romano - GGMSTUDIOS Staff

copyright www.ggmstudios.com

Versione Italiana

Ciao Fergie, prima di tutto grazie per dedicarci un po’ del tuo tempo per rispondere a qualche domanda!

Sappiamo che attualmente stai ultimando un nuovo cd. Il tanto atteso progetto Frederiksen-Denander sarà realizzato tramite la Frontiers Records. Puoi dirci qualcosa di più riguardo lo stile dell’album?

 

Prima di tutto vorrei ringraziare tutti alla Frontiers records per avermi supportato nella battaglia all’Epatite C. Non c’è bisogno di dirvi che questo cd sarebbe stato completato molto prima ma ho dovuto sottopormi al trattamento per questa malattia. E tutti alla Frontiers mi hanno supportato nel tempo del bisogno e ciò significa molto per me. Grazie dal profondo del mio cuore. Le buona notizia è che sono libero dal virus e mi sto sentendo di nuovo quasi al 100%. Questo CD raccoglie alcune delle migliori canzoni che ho mai fatto. Chiedermi di catalogarlo in uno stile è difficile. Ma se dovessi farlo direi che è un Classico di Fergie e Tommy al loro meglio. Canzoni come Baptism by fire e Crossing over hanno testi pieni di significato che esprimono la perdita dei miei genitori e la perdita del padre di Tommy. Ricky Phillips e Jim Peterik sono stati di grande ispirazione in entrambe le canzoni. Hanno sentito la nostra perdita come degli amici e ci hanno aiutato veramente a scrivere dei testi sentiti di cuore. Troverete canzoni pienamente rock, cose più melodiche e sfumature strumentali toccanti che sono il marchio di fabbrica di Tommy in tutto il CD. Ci è voluto molto tempo e siamo molto eccitati di pubblicare questo CD.

In una recente intervista che ho fatto a Tommy Denander lui ha avuto parole molto gentili su di te:”Ho sempre amato la voce di Fergie sin da Isolation e spesso scrivo canzoni che immagino con lui alla voce”. Questo è davvero un complimento amorevole, come ti fa sentire?

Tommy e Io siamo amici da molto tempo. E’ uno dei migliori chitarristi, scrittore di canzoni e produttore che abbia mai incontrato e sono orgoglioso di lavorare con lui di nuovo. Credo che Tommy mi conosca meglio di quanto mi conosca io a volte. Questa è la caratteristica di un grande produttore. Dice che sente la mia voce quando scrive, lo fa davvero. Comunichiamo così bene insieme. Durante il tempo che scriviamo e registriamo diventa tutto divertente ed eccitante. Tommy è un grande musicsta e un grande amico.

Hai lavorato con alcune band favolose, tutti noi ricordiamo la tua presenza come cantante nei Toto, Trillion e Le Roux. Credo che “So fired up” sia uno dei migliori album della tua carriera. Come sei stato coinvolto nel progetto Le Roux e credi che una reunion finale potrebbe essere possibile in futuro?

Ho ricordi molto affettuosi dei Le Roux. Mi sento ancora coi ragazzi ogni tanto. Per quanto riguarda una reunion, mi piacerebbe farla. Canzoni come Life line, Carrie’s gone e Turning point sono sicuramente alcune delle migliori performance vocali che abbia mai fatto. Non so se vorrei cantarle ancora nella tonalità originale notte dopo notte ma mi piacerebbe fare uno show e provarci!!!!

Il tempo che abbiamo passato insieme è stato tra i periodi più divertenti della mia vita.

Sembra che tu preferisca lavorare con altri artisti che fare album solisti: puoi dirci perchè? Puoi elaborare meglio questo aspetto e dirci quali pensi siano i benefici della collaborazione?

Credo che la ragione per cui mi piace collaborare così tanto è perchè dà a me e alla gente con cui sto lavorando il tempo di collegarci. E’ un ottimo modo di rivisitare il tuo passato e creare il presente. Inoltre deve essere divertente se lo stai facendo. Poterlo fare poi con un caro amico! D’altro canto so che il prossimo CD che faccio sarà un cd solista. E’ tempo di farlo per me stesso. E’ come una chiamata a cui ho bisogno di rispondere. Vi prometto che conoscerete molti dei musicisti e co-scrittori quando uscirà.

Questa è una domanda abbastanza scontata ma siccome è la prima volta che ti intervisto ci proverò. Probabilmente sai che i Toto faranno un tour speciale nel 2008 per celebrare il loro 30° anniversario. Se ti dovessero contattare per fare qualche apparizione prenderesti in considerazione l’offerta?

Certo, ovviamente. Tutto ciò di cui ho bisogno è un invito e sarò lì.

Nel 2002 hai condiviso il tuo talento con Joe Vana come cantante principale sul primo CD dei Mecca. Quello è diventato uno degli album preferiti di sempre del panorama Aor-Melodic Rock. Avevi al tempo delle registrazioni la sensazione che stavi creando una collezione di canzoni così tanto apprezzata?

Non penso che lo sai mai veramente finchè l’album non viene realizzato ed apprezzato. C’erano canzoni sul CD Mecca che pensavo fossero bellissime ma non lo sai fino a che il CD non esce e soddisfa o meno le aspettative del pubblico. Una cosa è sicura. Quando hai un grande produttore come Jim Peterik e un ingegnere come Larry Millas, ti puoi aspettare altro che buone cose. Sono proprio felice di esser stato parte del progetto.

Stai anche cercando di usare la musica per scopi benefici. Sei molto attivo su un progetto chiamato Fergie’s Rock, http://www.fergiesrock.org/index.html, un evento che si tiene una volta l’anno dal 2005. E’ nato per diffondere consapevolezza e raccogliere fondi per combattere l’Epatite C, l’infezione congenita cronica del sangue più diffusa negli Stati Uniti. Quello che stai facendo con l’aiuto di molti musicisti  (Alex Ligertwood, Jimi Jamison, Pat Travers, John Cafferty, Michael “Tunes” Antunes, Sib Hashian, Barry Goudreau, Jim Peterik, Randall Hall, G.B. Leighton and Pamela McNeill) è davvero nobile. Com’è stata la risposta delle persone a questo evento e continuerai ad organizzarlo?

Fergie’s Rock è iniziato come un concerto benefico per me. Avevo provato il trattamento per l’Epatite C un paio di anni prima del 2005 ed ero incapace di finirlo a causa degli effetti collaterali. Non potevo cantare ed il pensiero di essere sul palco di fronte a così tanto pubblico era qualcosa di inimmaginabile per me. Non pensavo potessi lavorare durante il trattamento. Il trattamento è molto simile a quello per il cancro e dà effetti strani al corpo e alla mente. Dopo che tutti a cui avevo chiesto di esibirsi dissero SI, feci la mia decisione. Capii che con così tanti amici  che volevano aiutarmi io avrei potuto fare qualcosa per aiutare altri. Con un grande gruppo di supporto tra amici e familiari ce l’avrei potuta fare e lavorare ancora. Decisi di non utilizzare nessuno di quei dollari per me stesso ma usare i soldi per diffondere la consapevolezza dell’Epatite C e per la ricerca. Non fu facile ma ho lavorato appieno durante il trattamento, cosa che non credevo possibile, e i miei amici mi diedero tutto il supporto di cui avevo bisogno. La mia fede ebbe molto a che fare con l’essere in grado di sostenere il trattamento ed esibirmi ancora.

La mia ragazza, Tris Klohn, è quella a cui devo più di tutti. E’ stata al mio fianco, mi ha fortificato e aiutato a rendere l’evento quello che è oggi. Senza di lei e i nostri amici, l’evento non sarebbe quello che è oggi. Ne abbiamo fatto un altro nel 2006 e stiamo pianificando quello del 2007 come parte dell’American Liver Foundation.

Tris sta lavorando ora per la A.L.F. in Minnesota. Abbiamo dato più di 50mila dollari alla ricerca ma la cosa più importante è che abbiamo diffuso consapevolezza sull’Epatite C in Minnesota e nelle aree circostanti. Ecco come salviamo delle vite. Se non conosci i rischi e hai la malattia potresti scoprirli troppo tardi. Sfortunatamente questo è il caso per la maggior parte delle persone. Per favore date un’occhiata al sito. Il 2007 si preannuncia un altro grande anno per la consapevolezza sull’Epatite C. Se voleste esser parte della nostra missione, potete mettervi in contatto con noi tramite il sito. Tutti coloro che hanno assistito al concerto hanno detto che è stato il più bel concerto che hanno mai visto. Così tanti bravi musicisti che si esibiscono insieme per un’unica causa. Sta andando sempre meglio. Grazie per avermelo chiesto.

Tornando alla musica, quali sono i tuoi sentimenti sull’industria musicale odierna per quanto riguarda i problemi che un’artista deve affrontare per vedere diffusa la sua musica?

Gli affari oggi sono molto diversi da come lo erano 20 anni fa. Per le band giovani i budget per registrare non sono quelli che si usavano per diverse ragioni. Tra di esse c’è il fatto che la registrazione digitale è molto più rapida e più efficiente che ai tempi delle registrazioni su nastro. Che ciò sia buono o meno, dipende da come guardi la cosa. Alcune cose sono ancora meglio su nastro che su digitale. Come la batteria, alcuni effetti di chitarra e in molti casi il basso. Altre cose come le voci e le tastiere credo, con l’aiuto di amp e pre amp, puoi farli diventare buoni come il suono su nastro e di sicuro abbassa i tempi di riavvolgimento per le esecuzioni. Quello che sto cercando di dire è che è un mondo completamente differente e non costa quanto il tempo passato in studio per via della tecnologia. Quindi le nuove band di oggi hanno imparato ad abbracciare la tecnologia odierna. Ci sono molti nuovi modi di incollare le canzoni insieme ora considerando che la maggior parte delle canzoni venivano fatte e rifatte finchè non si otteneva l’esecuzione giusta. Oggi i buoni produttori ed ingegneri possono creare una canzone copiando e incollando sfumature per formare il pezzo finito piuttosto che suonarla tutta. Tracce automatiche e tutta quella roba là aiutano il cantante a non dover cantare e ricantare finchè il pezzo non è perfetto. Roba fica ma non è la vecchia scuola. Sono stato fortunato a cantare per i Toto dove “la prima era buona” era la norma. Luke, Jeff e David specialmente erano le meraviglie “della prima è buona”. Ecco perché erano così ricercati per le sessioni di registrazione. Conosco artisti come anche me che stanno ancora registrando, e ringrazio Dio che le persone vogliono ancora sentire le nostre canzoni, in maniera un po’ differente.  I grandi budget sono una cosa del passato ma almeno possiamo fare uscire le nostre canzoni per coloro che ci tengono davvero e vogliono ascoltarle. Grazie Frontiers.

Pensi che qualcuno dei tuoi ragazzi seguirà le orme paterne? C’è qualcuno dei tuoi figli interessato nel fare musica, hanno qualche talento musicale che vogliono sviluppare in maniera professionale?

Mio figlio Koty che ha 16 anni, è un chitarrista e batterista. Ha cominciato con la chitarra e quando la band ha avuto bisogno di un batterista ha cambiato strumento. E’ in una band che scrive e registra canozni proprie tutto il tempo. Mostra delle potenzialità e ha un gran cuore per la musica. Presto li porterò in studio e gli farò fare delle registrazioni migliori per lui e per il lavoro con la sua band. Oddio, ora capisco cosa stavano pensando mia Madre e mio Padre quando avevo i capelli lunghi e volevo fare musica tutto il tempo. Dicevano “La ghianda non cade lontano dall’albero”. Avevano ragione.

Kyler che ha 17 anni ha una passione che condividiamo. Le auto veloci. Stiamo per avere una Hot Road El Camino e la prenderemo ad aprile dopo oltre un anno di costruzione. 385 cavalli, stereo e optional fino a morire. Devi tenerteli vicini sempre. Metterò una foto sul mio sito quando è pronta. Roba divertente.

Al di là degli affari, cosa ti piace fare nel tuo tempo libero? Sappiamo che sei un vero fanatico del golf…

Oltre alle machine, il golf è veramente il mio sport preferito. Sto lavorando sul mio modo di giocare da molti anni e amo davvero questo sport. Sono stato fortunato abbastanza da giocare in alcuni dei circuiti migliori del mondo e mi sento molto fortunato di poterlo dire. Mio padre mi iniziò a questo gioco e i migliori ricordi che ho di lui sono quando stavamo giocando a golf.

Anche Kyler ama il golf e Koty sta iniziando a mostrare interesse. Spero che potremo costruire ricordi che ci legheranno come ho fatto con mio padre. Qualcuno che voglia partecipare?

Quali son stati I punti più alti e bassi della tua carriera?

Il punto più alto della mia carriera è stata coi Toto. Ho imparato così tanto e ho avuto un periodo bellissimo a suonare coi migliori del mondo. Mi sento molto fortunato ad averlo potuto fare. Ho anche ottimi ricordi dei LeRoux. Un gran gruppo di ragazzi e grandi musicisti. Il punto basso è stato quando ho dovuto affrontare la malattia che avrebbe potuto porre fine alla mia vita. Grazie a Dio i miei amici e i miei cari mi hanno supportato nel momento del bisogno. A tutti coloro che devono confrontarsi con questa malattia, c’è speranza e cura. Se vi sentite a rischio, fatevi un controllo e imparate cosa si può fare. Il futuro sembra sempre più brillante per tutti noi.

Come nota finale,hai qualcosa da dire ai tuoi Fans Italiani del GGMSTUDIOS?

Vorrei ringraziarvi dal profondo del mio cuore per avermi ascoltato e dato l’opportunità di raggiungere I vostri cuori e le vostre orecchie. Tutti noi che si esibiscono nel Melodic Rock apprezzano, più di quanto voi sappiate, il vostro supporto. Spero solo che presto un giorno mi sarà possible visitare l’Italia di nuovo. E’ un Paese meraviglioso e ci sono alcune delle persone più gentili e dotate di talento artistico su questo pianeta.

Dio vi benedica e tenga voi e I vostri al sicuro e in salute.

Continuate a rockeggiare e grazie per questa opportunità di potervi parlare.

 

Grazie tanto per il tuo tempo Fergie e spero che tutto vada bene per te, la tua famiglia e la tua carriera.

Alessio Romano – GGM Staff

 

 

Mp3 Player

Visit Counter

mod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_counter
mod_vvisit_counterToday218
mod_vvisit_counterThis week1069
mod_vvisit_counterAll4359878