Login



Don't you have an account? Register to join the fanclub and GGM newsletter, it's free! Non hai ancora un account? Registrati per unirti al fanclub e alla GGM newsletter, è gratis!

Designed by:
SiteGround web hosting Joomla Templates
Steve Weingart new CD PDF Stampa E-mail
Scritto da Administrator   
Giovedì 04 Giugno 2009 18:38

Steve Weingart new CD

ciao ragazzi vicini e lontani ... il grande Steve Weingart  tastierista di Luke ne EL GRUPO

RECENSIONE

 

Track List :


1) Night Visitor

2) Tone Poem#9 ( I Thought It Was A Dream)

3) 3 Til Dawn

4) Soundscape 1

5) Dark Blue Dream

6) Asfew ( A Song For Ernie Watts)

7) Unforgotten Path

8) Sounscape 4

9) Pursuit

10) Outside In (Part 1)

11) Outside In (Part 2)



E’ uscito da poche settimane l’ultimo album da solista di Steve Weingart intitolato “The Dark Blue Dream”. Beh, l’ultima volta che avevamo sentito parlare di lui fu in occasione della bellissima serata al Blue Note di Milano, alle tastiere, con Steve Lukather ed “El Grupo”. Il ricordo è quello di un professionista veramente a tuttotondo e di un ragazzo molto simpatico e disponibile nei confronti dei tanti fans a caccia di un autografo da incorniciare! Dopo il suo primo lavoro “ Life Times Vol.1 “ si è impegnato a lungo per poter realizzare un album con una line-up di fama internazionale: i musicisti impegnati con lui sono Jimmy Earl al basso, TOm Brechtlein alla batteria, Frank Gambale alla chitarra, con le collaborazioni speciali di Ernie Watts al sax, Ronnie Gutierrez alle percussioni, Renee Jones al basso e su alcune parti cantate. Devo dire che Steve stavolta si è immerso totalmente in questo progetto dalla costruzioni delle parti melodiche agli arrangiamenti, dalla scelta dei suoni alle programmazioni in generale e, non per ultimo, occupandosi persino del cd design, delle foto e dell’artwork del digipack veramente carino. Non mi resta da fare altro che consigliarvi una buona e rilassante poltrona, un brandy di classe tra le mani, un paio di cuffie in testa per meglio cogliere tutti i segreti di un’ opera ben curata e dopodichè……….buon viaggio nel “Sogno blu scuro”!
 

Le caratteristiche stilistiche della band sono state adattate alle composizioni di Weingart in modo egregio ed è stato fatto un lavoro veramente soddisfacente al computer. La band ha effettuato delle registrazioni direttamente dal vivo in studio e questo è innanzitutto una novità per quanto riguarda il genere fusion. Tutte le varie programmazioni dei Sinth e i vari effetti riscontrabili dall’album sono stati aggiunti da Steve in un secondo momento, durante la fase del mixaggio. Le sonorità sono quindi molto interessanti: sembra di sentire un concerto dal vivo compenetrato dalla genialità di Steve, nell’adattare a questa situazione i suoi Ambient Sound Effects davvero unici.
 

La traccia di apertura, “ Night Visitor”, è un pezzo veramente affascinante al primo ascolto: la base ritmica si rifà ad un groove tipicamente reggae e il fraseggio di Gambale risulta ancora una volta inconfondibile, il tutto condito con un solo di tastiere di Steve preciso e ben curato. La sensazione è quella di ascoltare un reggae con delle melodie tipicamente rock-prog. Un pezzo significativo è poi “3 Till Dawn” dove Steve mette in risalto tutte le sue doti di compositore e arrangiatore attraverso delle melodie trascinanti.
 

“Dark Blue Dream” invece è basata tutta su uno splendido deep-funk groove e l’impronta di Gambale qui si fa sentire come non mai soprattutto nel modo in cui costruisce il suo solo di chitarra: note blues intervallate da ampi respiri con un suono favoloso. Altrettanto impressionante il suono di Gambale in “Pursuit” una sorta di funk strumentale con la band che dal vivo si esprime a livelli esagerati. “Outside In (Part 1)” è la dimostrazione lampante di come il live in studio può mantenere inalterato il risultato del prodotto con degli ambient sounds irresistibili. Le parti di Gambale non sono mai scontate e non sono allo stesso tempo mai troppo invadenti. Nella successiva “Outside In (Part 2 )” Weingart riprende alcune linee melodiche di Gambale della Part 1 e ricrea un pezzo supportato da drum-loops e vari suoni presi dai suoi sinth….davvero divertente!
 

Questo album ha una musicalità piuttosto fresca e Steve spazia come lui sa fare dal rock alla fusion, dal jazz all’ heavy non aggrappandosi ad un unico stile in particolare. Un disco che farà contenti non solo i fans di Weingart ma pure tutti coloro che apprezzano Gambale che ha una facilità innata nell’immedesimarsi nel progetto a cui gli si chiede di prende parte. Ma soprattutto un lavoro che non vuole evidenziare e porre in primo piano i virtuosismi dei singoli musicisti ma che sfocia in un sound curato dove nulla è lasciato al caso, come in un grande “Concerto Virtuale”.
 

Nelle settimane appena trascorse Weingart e la sua band sono stati invitati al NAMM Show 2007 per eseguire alcuni brani presso lo stand della Sabin, nota casa costruttrice di piatti. Qui di seguito allegherò alcuni contributi video che lo ritraggono in grandissima forma dal vivo. Si tratta di due clips molto belli che potrete vedere live dopo aver letto questa piccola recensione con qualche riferimento in più spero: il primo dura circa sette minuti ed è “Outside In”, mentre il secondo dura quattro minuti e venticinque secondi ed è “3 Til Dawn”.


http://www.youtube.com/watch?v=WdfEQTF2ZxQ


http://www.youtube.com/watch?v=2mrOE_fHV6w





Se invece volete recuperare altre informazioni riguardanti Steve Weingart vi allego altri links molto utili:


http://www.myspace.com/steveweingart


http://www.myspace.com/steveweingartband


www.steveweingart.com


http://www.steveweingart.com/sw/txt/Italianpressrelease.html





Andrea Ortolan GGMSTUDIOS STAFF


Raccolta una ricchezza di touring internazionale e di esperienza in studio a Los Angeles prestando il suo considerevole talento ad alcuni degli esponenti più notevoli  del Jazz/Fusion, compresa la Dave Weckl Band, Steve Lukather & El Grupo, CAB featuring Virgil Donati, Bunny Brunel, Tony Macalpine, Simon Phillips & Frank Gambale, il Marco Mendoza Trio e il progetto Howland/Imboden, la notevole nuova uscita di Steve Weingart, "Dark Blue Dream" e` una collezione ispirata di sentite composizioni che include performance di gruppo tutte dal vivo di alcuni dei musicisti West-Coast più richiesti. Nonostante gli incentivi economici a continuare ad andare in tour a livello internazionale attraverso la sua invidiabile reputazione come uno dei tastieristi più altamente quotati, è stato maggiore il desiderio di Weingart di spingere ancora piu` in là i confini estemporanei del Jazz/Fusion fondati sul suo addestramento classico al Conservatorio di Cincinnati. Con questa sua ultima opera, ha realizzato la sua ambizione di produrre un ancor piu` impegnativo seguito al suo cd di debutto del 2003, "Life Times Vol. 1", nel quale ha collaborato, fra gli altri, con Robben Ford e Brandon Fields.
www.cdbaby.com dice "Ascoltate questi musicisti stellari che fanno performance incredibili sulle nuove composizioni di Steve. La musica su questo CD e` un mix bilanciato tra il groove e l`improvvisazione. Troverete reminiscenze di questa musica nei Weather Report, Chick Corea e Herbie Hancock."
Potenziato dalla creatività eccezionale di Frank Gambale (Chitarra) Jimmy Earl (Basso), Tom Brechtlein (Batteria) e dalla moglie di Weingart Renee Jones (Voci e Basso), la band di Weingart conduce performance impeccabili, catturate brillantemente in formato digitale con un'atmosfera di registrazione di gruppo. Weingart ha missato con eccezionale chiarezza, senza dubbio influenzata dalla sua sostanziale partecipazione al pionierismo del fenomeno del "concerto virtuale", idealmente adatto alle sue intense composizioni ed al vociare etero delle tastiere Grand Piano, Fender Rhodes e Clavia Nord Lead 3. Weingart riconosce Thelonious Monk, John Coltrane ed Ernie Watts come ispirazione per tre delle composizioni ma i fans della sua sorprendete improvvisazione non saranno delusi, con le consumate esibizioni del suo genio liberamente spruzzate dappertutto, portando alla vita il suo "SOGNO BLU SCURO". Life Times Vol. 1 e Dark Blue Dream sono ora disponibili su:
www.cdbaby.com/cd/weingart2 
www.abstractlogix.com 
www.audiophileimports.com


Per ulteriori informazioni, visitate:
 www.steveweingart.com
 
© Will Minting, Londra, Novembre 2006

------------------------------------------------

Having amassed a wealth of international touring and Los Angeles studio experience whilst lending his considerable talents to some of Jazz/Fusion’s most notable exponents, including the Dave Weckl Band, Steve Lukather & El Grupo, CAB featuring Virgil Donati, Bunny Brunel, Tony Macalpine, Simon Phillips & Frank Gambale, the Marco Mendoza Trio, and the Howland/Imboden Project, Steve Weingart’s remarkable new release, “Dark Blue Dream” is an inspirational collection of heartfelt compositions, featuring all-live group
performances from some of the West Coast’s most in-demand musicians.

Despite lucrative enticements to continue touring internationally through his enviable reputation as one of the most highly regarded keyboard players, Weingart’s desire to further push the boundaries of jazz/fusion extemporisation founded on his Cincinatti Conservatory classical training. With this latest release, he has realised his ambition to produce an even more challenging follow-up to his 2003 debut, “Life Times Vol. 1”, in which he collborated, amongst others, with Robben Ford and Brandon Fields. www.cdbaby.com says "Check out these stellar musicians giving incredible performances on Steve's new compositions. The music on this CD is a artistic balance between groove and improvisation. You'll find this music reminiscent of Weather Report, Chick Corea and Herbie Hancock."

Enhanced by the exceptional creativity of Frank Gambale (Guitar) Jimmy Earl (Bass), Tom Brechtlein (Drums) and Weingart’s wife Renee Jones (Vocals, Bass), Weingart’s band deliver impeccable performances, freshly captured in digital format yet with a group recording ambience. Weingart mixed with outstanding clarity, no doubt influenced by his substantial involvement with pioneering the “virtual concert” phenomenon, ideally suited to his intense compositions and ethereal keyboard voicings of Grand Piano, Fender Rhodes and Clavia Nord Lead 3. Weingart acknowledges Thelonious Monk, John Coltrane and Ernie Watts as inspiration for three of the compositions but fans of his improvisational prowess will not be disappointed, with consumate displays of his genius liberally sprinkled all over, bringing his Dark Blue Dream to life. Life Times Vol. 1 and Dark Blue Dream are available now at:


www.cdbaby.com/cd/weingart2

www.abstractlogix.com

www.audiophileimports.com



For further information, visit:

www.steveweingart.com

© Will Minting, London, November 2006

 

Mp3 Player

Visit Counter

mod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_counter